QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Ceto: minacciò il sindaco e la sua famiglia, condannato a 2 anni e 8 mesi Roberto Donina

mercoledì, 12 ottobre 2016

Ceto – Roberto Donina, condannato a 2 anni e 8 mesi, 5mila euro di multa e 2.800 euro di spese processuali. Nell’udienza preliminare il Gup del tribunale di Brescia (nella foto) ha inflitto la pena a Roberto Donina per quanto accaduto lo scorso febbraio, quando tentò di estorcere denaro alla famiglia di Marina Lanzetti, sindaco di Ceto (Brescia), minacciato la madre con la possibilità di distruggere il suo negozio.tribunale Brescia

E’ la seconda condanna per Roberto Donina: il 25 maggio scorso per un doppio attentato incendiario alla vettura dell’ex sindaco di Ceto, Franco Guaini, fatti che risalgono alla notte di Santo Stefano del 2011 e al 30 luglio 2012, il giudice della seconda sezione penale del tribunale di Brescia aveva inflitto 3 anni e quattro mesi.

Per l’ultimo episodio, quello accaduto lo scorso febbraio quando venne arrestato dai carabinieri della Compagnia di Breno (Brescia) per aver insultato e minacciato di morte Marina Lanzetti e sua madre, tentando di estorcere loro 500mila euro, è comparso oggi in tribunale a Brescia e nuovamente condannato. Il Gup ha riconosciuto Donina responsabile dei reati di tentata estorsione, resistenza a pubblico ufficiale e minacce aggravate. Donina, secondo quanto ricostruito anche in aula, pretendeva dal sindaco Marina Lanzetti 500mila euro quali risarcimento per un danno che affermava di aver subito dalla famiglia della sindaca, arrivando a minacciare di morte la stessa Lanzetti, a lanciarle ingiurie e parolacce, strattonando anche la madre nel negozio di alimentari che avrebbe fatto distruggere. Il Gup ha respinto la richiesta di risarcimento civile chiesto dal Comune di Ceto come parte civile.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136