QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Ceto: lettera ai lavoratori annuncia cessazione dell’attività della NK. Assemblea e sit-in

giovedì, 3 dicembre 2015

Ceto – Lavoratori della NK di Ceto (Brescia) in assemblea, poi una protesta sulla strada che unisce Ceto a Capo di Ponte e una richiesta per un incontro urgente nella sede dell’Aib e appello alle istituzioni. Oggi pomeriggio hanno dato vita ad una protesta con sensibilizzazione degli automobilisti in transito sulla strada che collega Ceto con Capo di Ponte, occupandola simbolicamente.

Cessazione dell’attività: questo il contenuto della lettera inviata da N&K alle organizzazioni sindacali. Senza mediazioni, senza attendere le risposte dei tavoli istituzionali locali, la Niggeler&Kupfer Texile di Ceto nk ceto 1ha annunciato di voler chiudere, ribadendo che non sussistono le condizioni per andare avanti. Dopo la rinuncia dell’unico committente, il cotonificio bergamasco Albini, non ci sono le condizioni di mercato per proseguire, poiché la perdita del 2015 ammonta a circa 500mila euro.

La cessazione dell’attività, prosegue la lettera, permetterebbe ai 72 dipendenti di accedere alla cassa integrazione per un anno di crisi aziendale. I sindacati hanno chiesto un incontro in Aib a Brescia per lunedì 7 dicembre, mentre la Comunità Montana e il Bim, insieme ad altre istituzioni camune, sono rimaste spiazzate dall’annuncio. Oliviero Valzelli per l’11 dicembre aveva convocato un nuovo tavolo istituzionale con le forze sindacali. Forse per quella data il tempo a disposizione dell’azienda sarà scaduto. Il coinvolgimento delle istituzioni e forze sociali della Valle Camonica sarà comunque determinante per una soluzione della crisi.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136