QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Ceto, dopo Ferragosto i lavori sulla strada della Valpaghera. Salta la corsa campestre

sabato, 12 agosto 2017

Ceto – I lavori sulla strada per la Valpaghera saranno realizzati dopo Ferragosto, mentre la corsa campestre “Ceto-Valpaghera”, in programma il 15 agosto, è stata annullata. Il sindaco di Ceto, Marina Lanzetti, dopo la relazione dei geologi, dottor Albertelli e ingegner Bertoni, ha annunciato che la strada per la Valpaghera, interessata da una frana durante l’ondata di maltempo, rimarrà chiusa fino all’esecuzione delle opere. I Comuni di Ceto e Braone, interessati dalle recenti frane, attendono i fondi per il pronto intervento, promessi da Regione Lombardia, che serviranno non solo per ripristinare il transito a persone e mezzi, ma anche per ripulire l’alveo del torrente Palobbia.Ceto 01

I tecnici non hanno ritenuto possibile intervenire in maniera temporanea con movimenti di terra per il ripristino della viabilità, perché la situazione è precaria e altri movimenti franosi potrebbero avere luogo e interessare la condotta dell’acquedotto, con la conseguenza di lasciare il paese senz’acqua.

“Al fine di garantire la sicurezza pubblica ed evitare danni maggiori – si legge nel documento firmato dal sindaco di Ceto – siamo spiacenti di comunicare che non sarà possibile a breve accedere alla Valpaghera. Auspichiamo che la situazione sul fronte “Braone-Piazze” possa risolversi quanto prima per poter dare alla Valpaghera almeno una temporanea via di accesso”.

La strada per la Valpaghera resterà chiusa per la festività del Ferragosto, quindi non si terrà l’annuale manifestazione campestre “Ceto-Valpaghera”. Il sindaco di Ceto sottolinea: “Siamo dispiaciuti  per il lavoro svolto e il tempo dedicato all’organizzazione della gara da parte del Gruppo sportivo Ceto-Nadro e dall’Avis di Ceto, ma non vi sono le sufficienti garanzie di sicurezza per transitare sulla strada in quel tratto”.

Ora c’è da garantire un transito sicuro per il centinaio di ragazzi presenti nella casa vacanze di Campo Tres e al termine del quarto turno i ragazzi ospiti scenderanno a piedi, mentre i loro bagagli saranno affidati a piccoli mezzi che potranno transitare solo sotto il controllo di un servizio di Protezione Civile.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136