QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

In centinaia alla cerimonia delle Fiamme Verdi al Mortirolo, Tessarolo: “Valori da non dimenticare”

lunedì, 5 settembre 2016

Monno – L’annuale appuntamento delle Fiamme Verdi della prima domenica di settembre ha richiamato centinaia di persone al Mortirolo, per ricordare le vittime della Seconda Guerra Mondiale. In particolare erano presenti gruppi e associazioni partigiane e combattentistiche della Valle Camonica, amministratori locali, sindaci, il presidente della Provincia di Brescia, Pierluigi Mottinelli, il presidente della Fiamme Verdi della Valle Camonica, Ezio Gulberti, e il professor Francesco Tessarolo, eletto poche settimane fa presidente nazionale della Fivl (Federazione italiana volontari per la libertà).  Quest’ultimo ha rimarcato l’impegno per tener viva “la memoria e i valori delle persone che hanno combattuto sulle montagna della Valle Camonica, come di altri luoghi, per la Patria”.

Mortirolo 10

Un messaggio è stato lanciato anche da Ezio Gulberti che ha ricordato il lavoro che viene svolto nelle scuole per “non dimenticare”. Poi c’è stata la commemorazione che aveva come messaggio: “Ricordare il passato per plasmare il futuro”.

Il raduno è avvenuto davanti  alla Chiesetta di San Giacomo in Mortirolo, dove monsignor Tino Clementi, cappellano delle Fiamme Verdi ha celebrato la Santa Messa e al termine ci sono stati i discorsi ufficiali e il saluto della presidente onoraria delle Fiamme Verdi, Agape Nulli Quilleri.

La cerimonia è stata accompagnata dai cori della Valle Camonica e un gruppo di ottoni di cinque elementi della banda di Borno, che si sono esibiti in concerto.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136