QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Cedegolo, danni ingenti per l’incendio alla SL Carpenteria e montaggi: prima stima di 500mila euro

giovedì, 16 aprile 2015

Cedegolo – La conta dei danni alla SL, Carpenteria e Montaggi al confine tra Sellero e Cedegolo, registra che essi sono ingenti: il rogo divampato all’alba ha provocato danni irreparabili ad alcuni macchinari, distrutto parte del tetto dell’azienda e i pannelli voltaici che producevano energia elettrica.

I danni ammontano a 500mila euro. Questa mattina i vigili del fuoco del distaccamento di Edolo congiuntamente ai colleghi di Darfo sono intervenuti a Cedegolo per un incendio capannone. Giunti in posto il capannone era completamente avvolto dalle fiamme e i militi hanno lavorato per ore prima di avere ragione delle fiamme. Successivamente si è proceduto alla bonifica e alla messa in sicurezza dello stabile.

L’incendio è divampato attorno alle 7.30, all’interno del capannone della SL CarpeIncendio Sl Cedegolonteria e montaggi nella zona industriale tra Sellero e Cedegolo. Le fiamme sono divampate all’interno di un capannone e i sei lavoratori hanno subito lanciato l’allarme e cercato di domare le fiamme con estintori.

Si temeva il peggio, per la presenza di bombole del gas, ma il tempestivo arrivo dei vigili del fuoco di Edolo e Darfo Boario, sul posto con cinque squadre e l’autoscala, ha evitato il peggio. I militi del distaccamento di Edolo congiuntamente ai colleghi di Darfo sono intervenuti per un incendio capannone. Quando sono giunti il capannone era completamente avvolto dalle fiamme e le squadre dei vigili del fuoco hanno lavorato per ore prima di avere ragione delle fiamme.

Successivamente i pompieri hanno bonificato e messo in sicurezza lo stabile. Attorno alle 8 le fiamme sono state domate e i vigili del fuoco con l’autoscala sono saliti sul tetto per mettere in sicurezza l’edificio approfondendo le verifiche strutturali del tetto e hanno provveduto a rimuovere il materiale bruciato per evitare che le fiamme potessero riaccendersi. Esternamente il capannone non ha riportato grossi danni ma all’interno tutte le macchine produttrici, di carpenteria e per la saldatura, sono andate completamente distrutte così come il tetto di quella parte del capannone, circa 700 metri quadrati andati completamente distrutti. Messa in sicurezza la zona, portate fuori le bombole del gas presenti all’interno utilizzate per il funzionamento dei macchinari, i vigili del fuoco, insieme ai carabinieri del Nucleo Radiomobile di Breno e a quelli di Cedegolo, hanno effettuato le verifiche per stabilire la causa dell’incendio, che sembra da attribuirsi ad un cortocircuito.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136