QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Capo di Ponte: nuove guide per il turismo nella Valle dei Segni. I progetti e i primi eventi

mercoledì, 27 maggio 2015

Capo di Ponte – Una Valle dei Segni con nuove guide per il turismo. Dalla prossima settimana i ‘promoter elettronici’ riporteranno le indicazioni sugli eventi più importanti del cartellone di Expo. Non solo: in questi giorni sulle numerose ‘porte’ d’accesso alla valle i turisti incontrano la scritta ‘Bentornati in Vallecamonica’. Idee che rientrano nella campagna di promozione del territorio.

Sul tavolo innanzitutto i nuovi materiali cartacei dedicati alla ‘Valle dei Segni’, con progetti che raccontano  la Camunia e che saranno lanciati in un incontro programmato il 3 giugno a Milano, nella sede del Touring club italiano. Sono quattro i nuovi pieghevoli (in distribuzione nei Comuni, nelle Pro loco, negli Iat e nei parchi archeologici) che spiegano l’area tra Pisogne ed il Gavia: ‘La Valle dei Segni, un territorio di racconti’ su arte, natura, storia, tradizione, paeCapo di Ponte Naquanesaggio e sapori; ‘Arte rupestre della Vallecamonica’, ‘Percorsi ciclabili in Vallecamonica’ ed ‘Eventi principali dal 1 maggio al 31 ottobre’.

Sergio Bonomelli, presidente del Gruppo istituzionale di coordinamento del sito Unesco Camuno, ha introdotto la nuova guida a tema che descrive gli undici siti d’interesse nazionale, regionale e comunale ed i ‘dintorni’ meritevoli di una visita. Ed ha anche ricordato che “l’accordo stretto tra la Comunità montana e la Sovrintendenza per l’apertura domenicale del Museo della Preistoria e del Parco di Naquane nei mesi di maggio e giugno sta procurando i primi risultati di presenze. Abbiamo ragione di credere che per il periodo dell’Expo, e quindi fino ad ottobre, i siti dovrebbero sempre accogliere i turisti di domenica”.

Simona Ferrarini, assessore alla Cultura ed al Turismo della Comunità montana, ha ricordato ‘Wall in art’, il progetto che vedrà Ozmo, artista di strada, realizzare con un gruppo di giovani creativi alcune opere sui muri della valle ed Ozmo da solo prodursi in una esibizione in un paese.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136