QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Capo di Ponte: l’Amministrazione Manella contraria alla centralina sul torrente Clegna

martedì, 26 aprile 2016

Capo di Ponte – La richiesta di realizzare una nuova centralina idroelettrica scatena la reazione del sindaco Francesco Manella e degli amministratori di Capo di Ponte (Brescia). In Comune a Capo di Ponte e alla Provincia di Brescia è arrivata la richiesta per costruire una nuova centraline sul torrente Clegna, in una zona naturale a qualche centinaio di metri dal parco delle incisioni e in un ambiente naturale unico e di straordinaria bellezza.

locandina

L’idea non è nuova e già negli anni Novanta era stata avanzata una richiesta. Ora un nuovo progetto: il Comune, una volta ricevuta la notizia, si è mosso per esprimere il proprio no. E l’Amministrazione comunale, guidata da Francesco Manella, ha affisso nel paese camuno un manifesto (nella foto) in cui viene espressa la contrarietà alla centralina. Un avviso in cui informa gli abitanti di quanto sta accadendo e si dichiara pronto ad opporsi al progetto in ogni modo.

Il sindaco Mannella ha ribadito: “L’Amministrazione comunale si attiverà in tutte le sedi opportune e con ogni modo e forma, per opporsi contro tale progetto”. L’obiettivo è: “Non va deturpato inutilmente l’ambiente da un impianto idroelettrico’. In paese si sta attivando anche un comitato per avviare una raccolta firme e sostenere l’azione del Comune. Il piano del nuovo impianto è stato presentato da una società privata: per il rilascio, però, serve solo l’ok della Provincia, che dovrà esprimersi dopo la conferenza dei servizi in programma nelle prossime settimane.

“L’Amministrazione si attiverà affinché la Provincia non rilasci la concessione – sostiene il primo cittadino – e terrà informata la popolazione su tutte le iniziative e condividere le varie azioni”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136