QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Canone RAI: la Provincia di Brescia accoglie le istanze dei Comuni montani

lunedì, 8 agosto 2016

Vione – Il Presidente della Provincia di Brescia, Pier Luigi Mottinelli, nonché Presidente della Commissione Montagna Nazionale ANCI, interviene in merito al tema del canone RAI, la cui fatturazione, da quest’anno, è accorpata a quella dell’utenza elettrica.Pierluigi Mottinelli

La Provincia di Brescia sta infatti ricevendo numerose segnalazioni di Sindaci che registrano troppi, inaccettabili, disservizi nella ricezione dei canali televisivi.

“E’ fondamentale che il gettito maggiore ottenuto con l’inserimento dell’imposta per il possesso della tv nella bolletta elettrica sia destinato al potenziamento del segnale nelle zone montane, un obiettivo necessario per un Paese moderno, con un servizio televisivo pubblico capace di raggiungere tutti i territori, tutti i cittadini – ha sottolineato il Presidente Mottinelli –  non è corretto essere obbligati a pagare il canone, se non si può usufruire del servizio. Penso ad esempio, in questo periodo, alle Olimpiadi trasmesse dalla RAI, evento sempre molto seguito dai telespettatori, di cui i residenti dei paesi di montagna non possono godere, per la mancanza del segnale. Raccogliendo dunque le segnalazioni degli amministratori i cui cittadini subiscono questo disagio -  ha concluso il Presidente Mottinelli -  la Provincia di Brescia, quale “Casa dei Comuni” solleciterà il Governo affinché potenzi le infrastrutture per la trasmissione del segnale, in modo da trovare soluzioni concrete per la copertura del servizio anche nelle zone interne montane.

I problemi di ricezione della tv e l’accesso ai servizi di comunicazione fanno parte dei diritti di base, di tutta la popolazione, indipendentemente dalla sua residenza e dal luogo in cui lavora”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136