QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Canone Rai e disservizi nelle zone montane: il Governo incontra la Provincia di Brescia

mercoledì, 31 agosto 2016

Brescia – Il Presidente della Provincia di Brescia, Pier Luigi Mottinelli, nonché Presidente della Commissione Montagna Nazionale ANCI, dopo le numerose segnalazioni ricevute dai sindaci montani che registrano troppi disservizi nella ricezione dei canali televisivi, aveva sollecitato il Premier Renzi e il Presidente della RAI, Monica Maggioni, affinché intervenissero concretamente rispetto a questo tema, potenziando il segnale in montagna.mottinelli

“E’ fondamentale – aveva scritto il Presidente nella lettera inviata anche al Sottosegretario Luca Lotti - che il gettito maggiore ottenuto con l’inserimento dell’imposta per il possesso della tv nella bolletta elettrica sia destinato al potenziamento del segnale nelle zone montane, un obiettivo necessario per un Paese moderno, con un servizio televisivo pubblico capace di raggiungere tutti i territori, tutti i cittadini. Non è corretto essere obbligati a pagare il canone, se non si può usufruire del servizio”.

Tempestiva è arrivata la risposta dal Governo, nella persona di Luca Lotti,  che ha proposto un incontro a breve tra il Presidente Mottinelli e Antonello Giacomelli, Sottosegretario Mise con delega alle Comunicazioni, con l’obiettivo di trovare soluzioni per la copertura del servizio anche nelle zone montane.

“Sono molto soddisfatto del risultato fin ora ottenuto – ha concluso il Presidente Mottinelli -  certo che porterà a soluzioni concrete. I problemi di ricezione della tv e l’accesso ai servizi di comunicazione fanno parte dei diritti di base, di tutta la popolazione, indipendentemente dalla sua residenza e dal luogo in cui lavora”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136