QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Buche sulle statali della Valle Camonica e danni ai veicoli. Gli automobilisti passano all’attacco

martedì, 27 gennaio 2015

Breno –  Gli automobilisti si lamentano delle condizioni  delle strade camune. Non solo la statale 42 è diventata un groviera negli ultimi giorni, poi la statale 39 – nel tratto tra Edolo e Corteno Golgi –  e infine alcune strade comunali.

I problemi maggiori sono sulla statale 42  e l’Anas è finita nel mirino, nonostante i lavori effettuati nei mesi estivi in Alta Valle Camonica, in particolare a Vezza d’Oglio, Temù e a Ponte di Legno.

Adesso i problemi maggiori sono tra Edolo e Malonno, poi nella zona di Breno e lungo un tratto di strada da Esine fino a Darfo. Sono una ventina gli automobilisti che negli ultimi giorni hanno segnalato buche o si sono presentate da carabinieri, polizia stradale e comandi di polizia locale per denunciare la situazione con auto danneggiate per le buche.

Gomme forate e copricerchi spezzati sono i casi più eclatanti, provocati da quelle voragini che, dopo un po’ di pioggia e quella notte di temperature, si sono aperte sulla strade della Valle Camonica. L’asfalto ha iniziato a sbriciolarsi.  L’odissea delle buchbuche stradae, delle voragini sulle statali rappresenta un percorso pieno di  ostacoli e a che di insidie per gli automobilisti.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136