QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Spariti 416mila euro di premi assicurativi, il Nucleo di Polizia Tributaria indaga su due broker nel Bresciano

mercoledì, 15 giugno 2016

Brescia – Sottratti premi assicurativi per oltre 400mila euro, due broker bresciani indagati. I militari della Sezione Riciclaggio del Nucleo di Polizia Tributaria di Brescia, nell’ambito di un procedimento penale instaurato dalla Procura della Repubblica di Brescia, hanno svolto indagini nei confronti di due agenti assicurativi bresciani, che indebitamente si sono appropriati dei premi da versare alla società per la quale prestavano la propria attività d’intermediazione. L’attività investigativa trae origine da una querela presentata da una compagnia assicurativa facente capo ad un importante gruppo societario di diritto straniero, con la quale si denunciava l’omesso versamento di premi raccolti dalla clientela per un importo complessivo di 416mila euro circa.

Finanza 1 L’analisi della numerosa documentazione acquisita nel corso delle indagini di polizia giudiziaria, svolte anche con l’ausilio degli accertamenti bancari con il fine di ricostruire la tracciabilità dei flussi di denaro, ha permesso di accertare che le somme di spettanza della società assicurativa querelante venivano, in realtà, accreditate su conti correnti intestati o comunque riconducibili ai due indagati dopo un “vorticoso giro” di operazioni finanziarie.

Al termine degli approfondimenti investigativi i due broker bresciani sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria per il reato di appropriazione indebita aggravata, per aver cagionato un danno patrimoniale di rilevante gravità alla parte offesa e per aver commesso il fatto con abuso di prestazione d’opera. Le indagini preliminari si sono concluse con la notifica dei relativi avvisi emessi dalla Procura della Repubblica di Brescia nei confronti dei due soggetti indagati.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136