QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

“BrenoConcilia”, il progetto che favorisce la conciliazione vita-lavoro e che vede al centro Breno e i suoi servizi

domenica, 6 agosto 2017

Breno – Abbassamento delle tariffe d’accesso ad alcuni servizi per l’infanzia e l’adolescenza, sperimentazione e sviluppo di servizi innovativi e consolidamento di attività di sostegno per i genitori che lavorano. Sono i capisaldi del progetto “BrenoConcilia”, realizzato dal Comune di Breno (in qualità di capofila) insieme a un’ampia rete di diciassette partner territoriali e unico progetto finanziato dalla Regione Lombardia sul bando “Opportunità e inclusione” (realizzato per favorire progetti a supporto della conciliazione vita-lavoro per il 2017–2018).

L’iniziativa si rivolge a tutti i lavoratori residenti in Lombardia con almeno un figlio minore, nella fascia zero-quindici anni, che saranno agevolati nell’acquisto di servizi solo nelle strutture partner di Breno. Insomma, è un progetto che offre benefici a tutti i cittadini della regione e che vede Breno al centro: tutti i residenti in Lombardia (non solo i brenesi) che hanno le caratteristiche richieste possono accedere alle agevolazioni, ma per godere dei benefici economici dovranno rivolgersi solo alle strutture presenti a Breno.

L’importo complessivo della richiesta di finanziamento era di 95.400 euro, totalmente concessi dalla Regione. Fondi che, nello specifico, prevedono:
- l’abbassamento delle tariffe d’accesso ad alcuni servizi per l’infanzia e l’adolescenza quali pre e post orario, nido e scuola materna Valverti di Breno; doposcuola per minori frequentanti la scuola primaria e secondaria; grest estivi e invernali a Breno; campi scuola estivi al mare; laboratori di animazione extra scolastici a Breno; laboratori socio educativi e animativi extra scolastici; counseling, mentoring e tutoring per adolescenti in difficoltà.
- la sperimentazione e lo sviluppo di alcuni servizi innovativi quali baby sitting professionale (anche in situazioni di emergenza), trasporto sociale protetto con volontari (social taxi) e accompagnamento educativo nei grest per soggetti con disabilità.
- il consolidamento di alcune attività di sostegno per i genitori che lavorano quali attività di informazione, sensibilizzazione e orientamento e servizi di supporto alla genitorialità (gruppi di confronto e self help, consulenza psicologica, counseling professionale e altro).

Per la Valle Camonica si tratta dell’unico progetto ammesso e finanziato – spiega l’assessore ai Servizi sociali Sabrina Pelamatti, che ha ideato, costruito la rete e steso il progetto – per questo l’Amministrazione comunale ringrazia tutti i partner, la Regione e tutti coloro che hanno creduto e sostenuto l’idea progettuale”. “Un bel risultato – commenta il sindaco Sandro Farisoglioche permetterà a Breno di offrire i tanti servizi che già garantisce ma con prezzi di favore per tutti i lombardi”.

Il piano sarà avviato a fine agosto con la costituzione di un’associazione temporanea di scopo (o un accordo di partenariato) e l’istituzione della cabina di regia, mentre l’avvio operativo, con l’apertura delle preiscrizioni ai diversi servizi e l’erogazione dei relativi buoni sconto, è prevista per l’1 ottobre 2017.

Nel dettaglio, la rete dei diciassette partner territoriali è costituita da:
- partner effettivi: cooperativa sociale Arcobaleno di Breno, cooperativa sociale Margherita di Darfo, fondazione Valverti di Breno, fondazione Celeri di Breno e parrocchia San Salvatore di Breno;
- partner associati: fondazione Rizzieri di Piancogno, fondazione di Esine, proloco Breno, Centro italiano femminile di Breno, Unione sportiva Breno, cooperativa sociale K-Pax di Breno, Gso Breno, Gruppo sportivo oratorio Breno, Associazione genitori Breno, Gal di Valcamonica e Valdiscalve, accademia Arte e Vita-Teatro delle Ali Breno;
- partner sponsor: Metalcam Spa Breno.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136