QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Breno: Valzelli eletto presidente del Bim. Mascherpa dà una lezione a Tomasi e scoppia il caso Mottinelli

venerdì, 1 agosto 2014

Breno (Al. Pa. ) – Oliviero Valzelli è stato eletto all’unanimità dei presenti presidente del Bim di Valle Camonica, ma quanti scontri verbali nell’assemblea di ieri. In particolare l’ex presidente della Comunità MontanOliviero Valzellia Valle Camonica, Bernardo Mascherpa ha dato una lezione sul ciclo integrato dell’acqua e costi che ricadranno sui cittadini camuni al consigliere regionale del Pd, Corrado Tomasi, presente come delegato del Comune di Temù.

L’assemblea del Bim doveva essere un passaggio senza problemi, come è stato per Oliviero Valzelli (nella foto a lato), ma non sono mancate frecciatine tra i presenti sulla gestione degli ultimi anni. In particolare sul ciclo integrato dell’acqua e l’ipotesi che la Provincia, con una delibera votata dall’unanimità dei 41 Comuni, stanzi 10 milioni di euro. L’ex presidente della Comunità Montana Bernardo Mascherpa ha sconfessato le scelte di Tomasi degli ultimi anni, in particolare sui costi,  mentre Giambettino Polonioli, sindaco di Cimbergo, si è detto contrario a votare la delibera che porterà ad una salasso nel costo dell’acqua e servizio di depurazione per i cittadini. Anche Ruggero Bontempi, delegato del Comune di Berzo, si è chiesto rivolgendosi al Corrado Tomasi <cosa ci hanno raccontato in tutti questi anni?>.  Di diverso parere il sindaco di Edolo, Luca Masneri, eletto da due mesi, che ha chiesto di <agire in modo veloce e compatto per il bene del territorio camuno>.

Tomasi si è difeso rispondendo a tutte le critiche dicendo che <i Comuni dell’Alta Valle (Ponte di Legno, Temù, Vezza d’Oglio, Monno, e Incudine ndr.) hanno già deliberato sul ciclo integrato, mentre Edolo, Sonico e Malonno non hanno ancora preso una decisione> e salvaguardando il territorio. Immediata la replica di Stefano Gelmi (Malonno) che ha chiesto a Tomasi  <Occorre essere chiari quando si avanza un progetto>.

IL CASO MOTTINELLI

Il delegato del Comune di Ponte di Legno, Mario Bezzi, è intervenuto sulle scelte da compiere e sulla possibilità di usufruire dei 10 milioni che la Provincia di Brescia metterà a disposizione, chiesto maggior compattezza ai camuni anche in vista delle elezioni del nuovo Consiglio provinciale. <Mottinelli è una ricorsa – ha detto Bezzi – però nella scelta del futuro presidente della Provincia occorre uscire dagli schemi della vecchia politica e di chi si incontra con i  metodi del passato>. L’invito di Bezzi è rinnovare la politica con nuove modalità, anche per l’elezione del nuovo Consiglio provinciale.

L’ELEZIONE DI VALZELLI

Il segretario dell’assemblea ha poi richiamato i presenti sull’ordine del giorno e all’atto della votazione Oliviero Valzelli ha ottenuto 43 voti. Eletto quindi all’unanimità dei presenti: Valzelli ha quindi la doppia presidenza Comunità Montana – Bim. Nel Cda del Bim faranno parte Ida Bottanelli, rappresentante del Comune di Sulzano, e Mauro Testini, sindaco di Vione.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136