QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Breno: schiuma bianca nell’Oglio. Secondo i tecnici dell’Arpa erano scarichi di detersivi

mercoledì, 27 gennaio 2016

Breno – La schiuma bianca che ha tenuto con il fiato sospeso l’intera Valle Camonica a inizio anno è legata a scarichi di detersivi. Le analisi effettuate dai tecnici di Arpa Lombardia su campioni prelevati dalle acque del fiume Oglio tra Breno e Cividate Camuno hanno svelato l’origine di quella macchia e schiuma bianca che si era formata nel fiume Oglio. Si tratta di detergenti che – a contatto con l’acqua – hanno avuto una reazione chimica e prodotto quella macchia bianca.fiume oglio inquinato

Non è quindi uno sversamento di inquinanti da aziende a nord di Breno come paventato in un primo momento. Infatti i tecnici del Comune di Breno avevano inviato a Arpa Brescia e Lombardia, Vigili del fuoco del distaccamento di Breno, Amministrazioni comunali vicine, Carabinieri, Polizia locale e provinciale, la planimetria della rete idrica di tutta l’area interessata per poter risalire agli autori dello sversamento.

Chiarita la causa  ora le indagini puntano a scoprire dove è avvenuto lo scarico di detergenti, probabilmente da un complesso immobiliare a nord della cittadina di Breno oppure da una zona industriale e in tal senso è stato chiesto di intensificare le verifiche alla valle di San Maurizio e nella zona industriale sino al confine con l’isola ecologica.

Le indagini, condotte dai carabinieri della Compagnia di Breno, puntano a individuare i responsabili, aziende o privati. Resta comunque aperta la questione del collettamento, visto che alcuni scarichi di privati o aziende  finiscono ancora in rogge e nel fiume Oglio.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136