QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Breno: sabato 21 marzo convegno sulle “Terre alte” e le aree di montagna. Le proposte operative

martedì, 17 marzo 2015

Breno – Un  confronto aperto sulle aree di montagne. Dopo il dibattito di Aprica ecco Breno (Brescia), dove saranno presentate delle nuove ipotesi di lavoro. Infatti il tema: le “Terre Alte” e l’impatto che le riforme e la richiesta di autonomia per la Lombardia avranno su di esse, saranno al centro del convegno che avrà luogo sabato 21 marzo a Breno e che vedrà la partecipazione di numerosi esponenti politici ma anche e soprattutto del governo di Regione Lombardia con la presenza dell’assessore Massimo Garavaglia e del sottosegretario Ugo Parolo.

Il consigliere regionale Donatella Martinazzoli, esponeCastello Breno1nte della Lega Nord, camuna, e tra i promotori dell’iniziativa, anticipa il dibattito: “L’idea avanzata da Roberto Maroni di creare in Lombardia ‘zone di area omogenea’, ripensando il modello di governance dei territori uscendo dalla logica dei vecchi confini e identificando aree che hanno esigenze di gestione simili, è una grande opportunità per la Valle Camonica che, come già successo in occasione dell’approvazione del disegno di legge di riordino del sistema sanitario, ha l’occasione di vedersi riconoscere le sue peculiarità”.

Sabato prossimo nel confronto saranno discussi i temi della “semplificazione della macchina amministrativa diminuendo i livelli di responsabilità e di conseguenza la burocrazia a carico di cittadini e imprese”, E la chiosa finale di Donatella Martinazzoli va in una direzione ben precisa; “Ha ragione Maroni quando afferma che se la Comunità montana serve per migliorare la vita dei cittadini e delle imprese, va bene, ma se serve per complicare, è meglio cambiare sistema”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136