QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Breno, presa di posizione della Provincia. Il presidente Mottinelli: “No alla chiusura del punto Enel”

mercoledì, 10 agosto 2016

Breno – No alla chiusura del punto Enel di Breno (Brescia). Il presidente della Provincia di Brescia, Pier Luigi Mottinelli (nella foto), raccogliendo le istanze che giungono dalla Valle Camonica, interviene in merito alla situazione del servizio elettrico camuno, manifestando la propria preoccupazione rispetto allo svuotamento e la chiusura di strutture Enel importanti per gli utenti.

“La recente decisione di chiudere a breve il punto Enel di Breno – ha dichiarato il Presidente Mottinelli – che serve tutta la Valle Camonica, rende ancora più difficile questa situazione già critica, non solo per l’impoverimento occupazionale e professionale, ma anche per l’impatto negativo su tutta l’utenza. Per questo ho contattato i responsabili di ENEL, proponendo loro un incontro con l’obiettivo di trovare una soluzione che non penalizzi in modo tanto pesante gli abitanti della Valle Camonica”.

mottinelliIl punto Enel di Breno gestisce molte pratiche sia per il mercato libero sia per quello vincolato, per quanto riguarda elettricità e gas. Si tratta di uno sportello importante, frequentato dai clienti che vi si recano quotidianamente per trovare risposte e soluzioni appropriate alle loro esigenze.

“Il punto Enel di Breno è prezioso e fondamentale per tutta la Valle – ha concluso Mottinelli – Se questo fosse chiuso, i clienti sarebbero costretti a recarsi a Brescia, al punto Enel più vicino. Mi auguro che, con il supporto dei Parlamentari bresciani, si possa trovare una soluzione per questo grande disagio”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136