QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Breno, incontro su “Emergenza-Urgenza”: più mezzi di soccorso per la Valle Camonica

lunedì, 12 dicembre 2016

Breno – Potenziati i servizi di Emergenza-Urgenza in Valle Camonica. La decisione di AREU rientra in un disegno complessivo regionale sulla dislocazione dei mezzi di soccorso. A disposizione del territorio camuno più mezzi di soccorso. Questa la decisione comunicata ufficialmente oggi dal Direttore Generale di AREU,  Alberto Zoli, nel corso dell’Assemblea Distrettuale dei sindaci della Valle Camonica.

emergecy-118-trentino-teyssot_miniLe novità sono state adottate dal direttore generale di AREU, Alberto Zoli (presente all’incontro insieme al Direttore Sanitario Carlo Picco) in condivisione con il direttore generale dell’ATS della Montagna, Maria Beatrice Stasi, e del Direttore Generale dell’ASST della Valcamonica, Raffaello Stradoni.

Le principali novità riguardano le postazioni di Esine e di Ponte di Legno.
Il mezzo di soccorso avanzato (MSA), con medico e infermiere a bordo, della Valle Camonica, vedrà un aumento dell’orario di servizio, nei prossimi mesi, di 12 ore (da H12 a H24) ad iniziare dai fine settimana con successiva estensione a tutta la settimana, non appena completato quanto previsto in tema di assunzioni dalla DGR 5088 del 28/04/2016, voluta da AREU.

A Ponte di Legno è stato messo a disposizione un mezzo di base (ambulanza) nella fascia serale-notturna, attualmente non coperta; si ricorda che a Ponte di Legno è attualmente attivo, solo di giorno (e verrà confermato), un mezzo di soccorso intermedio (MSI) con a bordo personale infermieristico in grado di eseguire prestazioni di soccorso particolarmente qualificate, in collegamento con il medico della Sala Operativa del 118.

In più, la Valle Camonica potrà beneficiare di un utilizzo più esteso dell’elicottero di Brescia, che a breve volerà anche di notte, e dei cosiddetti Siti Hems, ovvero le piazzole di atterraggio non convenzionali (come per esempio i campi sportivi) che sono state realizzate grazie alla collaborazione dei Comuni, e che consentono, attraverso atterraggi anche in assenza di piazzole dedicate, un maggior utilizzo dei rendez vous tra mezzi di soccorso, con l’obiettivo di una maggior celerità del servizio al cittadino.

I COMMENTI

Il vice presidente della conferenza dei sindaci Ats della montagna Gianbettino Polonioli, commenta così la notizia: “Una prima azione che ci auguriamo consenta di rendere più rapido ed efficace il servizio di emergenza-urgenza sul territorio della Valle Camonica, avvicinando le aree più marginali ai centri di soccorso e di intervento”.

“E’ un un aumento di risorse che garantisce omogeneità rispetto alle altre aree della Regione con le stesse caratteristiche orografiche – spiega il Direttore generale di AREU, Alberto Zoli – e che va accostato all’aumento di attività del servizio di elisoccorso. Il soccorso con elicottero e la sua integrazione con il soccorso su gomma porterà a breve grandi risultati, con un aumento della sicurezza dei cittadini della Valle Camonica”.

“Con queste azioni, che confermano l’attenzione dei vertici regionali per la ASST della Valcamonica – aggiunge il direttore generale Asst della Valle Camonica, Raffaello Stradoni – viene completata la filiera dell’emergenza-urgenza nel nostro territorio. Permangono difficoltà legate al reclutamento del personale specialista, le quali tuttavia mi impegno a risolvere anche grazie alla collaborazione di altre ASST, all’aiuto di AREU ed al supporto di Regione Lombardia”.

stasi stradoni gallera

Secondo il Direttore Generale Ats della Montagna, Maria Beatrice Stasi (prima da destra con accanto Stradoni)  “Le nuove tecnologie applicate all’emergenza-urgenza portano un grande beneficio alla sanità di montagna. L’utilizzo più intensivo di elicotteri, impensabile fino a pochi anni fa, e l’ampliamento degli interventi su gomma promossi da AREU in Valcamonica sono sicuramente una buona notizia per gli assistiti della valle”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136