QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Al liceo Golgi di Breno un convegno sulla storica figura di Pietro Chiodi. Il programma

venerdì, 29 aprile 2016

Breno – Nell’aula magna del liceo Golgi di Breno è in programma domani (sabato 30 aprile) il convegno su Pietro Chiodi: professore e filosofo, intellettuale e maestro di vita civile.

Il dirigente scolastico del liceo Golgi, professor Alessandro Papale, ha illustrato l’iniziativa, aperta al pubblico. Il convegno, in programma dalle 9 alle 12, attraverso la presenza degli insigni studiosi Giuseppe Cambiano e Cesare Pianciola, presenta la figura umana e intellettuale di Pietro Chiodi, docente di filosofia, studioso e maestro di vita per diverse generazioni di studenti, in ragione della sua adesione etica alla Resistenza e al notevole contributo critico fornito alla vita culturale italiana del dopoguerra.

pietro chiodi001

Pietro Chiodi, nato a Corteno Golgi nel 1915, si è formato alla scuola filosofica dell’Esistenzialismo positivo di Nicola Abbagnano che ha inteso l’esistenza come determinata da finitudine e problematicità, in cui si radicano la libertà dell’uomo e la responsabilità civile delle sue scelte. Dopo anni di insegnamento ad Alba e Lecce, ottenne la cattedra di Filosofia della Storia presso l’Università di Torino nel 1964, ove insegnò sino alla morte.

Chiodi fu protagonista della vita culturale e di scambi filosofici con il teologo don Natale Bussi e numerosi intellettuali italiani. Nel Liceo di Alba fu collega del professor Leonardo Cocito, con cui condivise l’avversione per il fascismo, e fu insegnante di Beppe Fenoglio, che lo rappresenta, in forma romanzata, in Primavera di Bellezza e nell’abbozzo di romanzo pubblicato postumo con il titolo Il Partigiano Johnny.

Nonostante la giovane età, Chiodi fu tra quei maestri di vita civile che ebbero un ruolo importante nell’indirizzare alcuni studenti a salire in collina e a opporsi con le armi al nazifascismo. Egli visse con loro quell’esperienza di lotta, impegnandosi attivamente nella Resistenza dall’estate del 1944 presso i gruppi di Giustizia e Libertà, scrivendo le proprie memorie nel libro Banditi, pubblicato da Einaudi e recentemente ristampato.

Come filosofo Chiodi ha dedicato le sue ricerche all’analisi del pensiero di alcuni filosofi tra i più difficili e complessi dell’ epoca contemporanea, in particolare Heidegger, Husserl e Sartre.

A Chiodi si deve la prima, e fondamentale, traduzione dal tedesco dell’opera più importante di Martin Heidegger, Essere e tempo, che richiese l’invenzione di un nuovo linguaggio per rendere in italiano la difficile terminologia filosofica utilizzata.

Chiodi, sia nell’insegnamento che nella ricerca critica rimase sempre fedele a una concezione etica dell’ esistenza umana, fondata sull’impegno e sulla responsabilità verso se stesso e verso gli altri uomini e su una concezione problematica della storia.

Egli rappresenta, ancor oggi, una figura esemplare di intellettuale e cittadino, illustre camuno e cortenese, studioso e uomo segnato da una lucida coscienza civile, fondata su valori di giustizia e umanità, a cui possiamo guardare per stimolare comportamenti positivi e scelte responsabili.

Il Convegno è affiancato da una mostra allestita presso il Liceo Golgi (e aperta sino alla fine dell’anno scolastico) che illustra, attraverso fotografie, libri e documenti originali d’epoca, le attività di Chiodi insegnante, partigiano e filosofo.

I RELATORI 

Giuseppe Cambiano è uno storico della filosofia italiano, già assistente alla cattedra di Filosofia della Storia occupata da Pietro Chiodi, illustre accademico e saggista, già ordinario di Storia della Filosofia Antica all’Università di Torino, è oggi professore emerito della stessa disciplina presso la Scuola Normale Superiore di Pisa.

Cesare Pianciola, laureato con Nicola Abbagnano e assistente di Pietro Chiodi presso la cattedra di Filosofia della storia dell’Università di Torino, ha insegnato presso la S.I.S. di Torino e fa parte del comitato editoriale de «L’Indice dei libri del mese» e del consiglio direttivo del Centro studi Piero Gobetti.

IL PROGRAMMA 

Ore 9 – Saluto del Preside e delle Autorità.
Ore 9.15  - Intervento della professoressa Anna Canti, consigliere alla cultura con delega del Comune di Corteno Golgi
Ore 9.30 – Inizio dei lavori.
Relatori: professor Cesare Pianciola, docente di storia e filosofia e di analisi di testi filosofici a Torino:
«CHIODI INSEGNANTE».
Professor Giuseppe Cambiano, professore emerito di storia della filosofia antica presso la Scuola Normale Superiore di Pisa:
«CHIODI FILOSOFO».
Ore 12.30 – Conclusione


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136