QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Breno, concluso il corso base di Protezione Civile. Zampedrini: “Puntiamo sulla formazione”

mercoledì, 26 ottobre 2016

Breno – Concluso il corso di Protezione Civile, con più di 80 nuovi volontari. L’ultimo atto a Breno (Brescia) alla presenza della dottoressa Veronica Zampedrini, direttore dell’ACB (Associazione Comuni Bresciani), dei diversi gruppi di Protezione Civile camuni, con in testo quello di Sonico.

In Valle Camonica, l’Associazione Comuni Bresciani ha individuato la sede di Breno dove si sono svolte le lezioni dei corsi per i nuovi volontari, allievi, cadetti piuttosto che aspiranti con ben 110 iscritti e 85 gli effettivi presenti.

Gli aspiranti volontari provenivano da Esine, Piancamuno, Malonno, Provaglio d’Iseo, Gianico, Saviore dell’Adamello, Cevo, Pisogne, Sellero, Cividate Camuno, Losine, Berzo Inferiore, Piancogno, Marone, Edolo, Berzo Demo, Cedegolo, Cimbergo, Carpiolo, Corteno Golgi, Artogne e dal gruppo Ana Vallecamonica.

“Il corso – spiega Veronica Zampedrini – viene organizzato da ACB nell’ambito delle attività legate al fondo di solidarietà a fronte calamità naturali, nato nel 1996, che consente tra le altre cose ai volontari dei gruppi e delle associazioni di Protezione Civile dei comuni aderenti al Fondo di formarsi gratuitamente”. “Anche quest’anno – prosegue – ospiti del BIM e grazie alla collaborazione con la Comunità Montana abbiamo potuto contare su docenti e professionisti della formazione molto validi (parte teorica) e sulla collaborazione tecnica e alla disponibilità per la parte pratica delle associazioni di volontariato di Sonico e di Breno oltre che del CIGOM di Comunità montana”.

Il corso base prevede attività formativa per un totale di sedici ore corsi, proposti da Acb prevedevano una parte teorica con un dettagliato quadro generale del sistema Protezione civile tra storia e legislazione, analizzando quindi il Piano di emergenza comunale, i vari scenari di rischio e i modelli d’intervento in emergenza. Ruoli, doveri, attività e casi esemplificativo sono stati affrontati a partire da testimonianze dirette e largo spazio con l’interazione di esperti, dove i partecipanti hanno posto dubbi, domande e partecipato a dibattiti a tema. L’aspetto pratico restituisce invece importanti esperienze e nozioni vissute “sul campo”, così sono stati a diretto contatto con l’esperienza dell’attività di Protezione civile. Al termine si è svolto un test finale con verifica delle nozioni trasmesse e un’esercitazione pratica a Breno. I corsi base, organizzati dal 2003 in accordo con la  con la Provincia, hanno portato alla formazione di circa 3500 volontari.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136