QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Breno: arrestata dai carabinieri banda di ladri acrobati. Quattro romeni in manette

martedì, 17 novembre 2015

Breno – Presa la gang che saccheggiava la Valle Camonica e che nelle ultime settimane aveva creato paura tra i residenti. Tutti giovani, atletici e in ottima forma, visto che si arrampicavano su muri e balconi fino al secondo piano e poi fuggivano a piedi o in bicicletta sulla ciclabile. Nel corso della conferenza stampa al comando dei carabinieri di Brescia sono stati indicati come “ladri acrobati”.

I carabinieri del Nucleo Radiomobile della compagnia di Breno (Brescia), con alla guida il maggiore Salvatore Malvaso (nella foto), hanno arrestato quattro romeni che avevano base operativa a Cividate Camuno e denunciato due italiani.

I furti avvenivano sulla pista ciclabile della Media Valle Camonica o comunque in zone vicine, con facili vie di fuga anche da abitazioni ed esercizi commerciali. Alla banda vengono contestati una cinquantina di colpi. Gli episodi accertati sono dieci, mentre gli altri colpi in fase di accertamento sono almeno quaranta.

All’attivo anche un furto in un esercizio commerciale. Il blitz dei militari della CompagBreno capitano Malvasonia di Breno ha portato al fermo di quattro cittadini romeni per i reati di furto e ricettazione. Hanno un’età fra i 20 e i 30 anni e sono ritenuti responsabili dei furti compiuti in Bassa e Media Val Camonica.

Le zone più colpite sono state quelle di Corna e Fucine a Darfo Boario Terme. Furti a raffica messi a segno da ladri acrobati e atletici, in grado di arrampicarsi sulle grondaie e saltare su terrazzi e tetti. Ladri denominati anche “della pista ciclabile” perché proprio attraverso la ciclabile e i campi, raggiungevano le abitazioni da svaligiare e poi facevano perdere le loro tracce. Altri due – italiani  - sono stati invece denunciati per concorso.

I quattro stranieri, senza fissa dimora, sono stati bloccati nella loro tana di Cividate Camuno, dove è stata trovata refurtiva per un valore attorno a 50mila euro.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136