QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Breno: allarme della Coldiretti per le truffe sui prodotti alimentari. L’invito di Valzelli: “Acquistate solo formaggi camuni”

venerdì, 20 novembre 2015

Breno – Allarme per la tutela dei prodotti Doc della Valle Camonica. In un convegno a Breno è stato lanciato l’allarme per la tutela delle produzioni agroalimentari della Vallecamonica e gli operatori hanno denunciato una truffa ai danni dei consumatori e soprattutto dei produttori camuni: l’imitazione di formaggi tipici. Infatti i presunti formaggi tipici messi in vendita e sequestrati in un centro commerciale dell’hinterland bresciano e anche in supermercati camuni.

L’inganno è stato scoperto e segnalato a Coldiretti, che ha subito girato la denuncia ai Nas. Le forze dell’ordine sono risalite alla catena e hanno fatto rientrare i prodotti dal mercato. I formaggi spaccialavorazione formaggiti per camuni erano venduti in città ma anche in Valle. Alcuni produttori e degli avveduti consumatori si sono accorti però che, nonostante l’apparenza, non erano quelli autentici. Le indagini hanno portato in Germania, dove venivano confezionati con latte d’oltralpe.

“Un fatto che deve far alzare la guardia ai produttori locali, che si riconoscono nel marchio d’area Sapori di Vallecamonica”, ha sottolineato il presidente della Comunità Montana Oliviero Valzelli che ha coordinato il convegno presenziato dal direttore di Coldiretti Brescia Raffaello Betti, dal segretario di zona Roberto Gallizioli, dal presidente di Cissva Giancarlo Panteghini e di Carlo Sacristani assessore all’Agricoltura della Comunità Montana. Tutti si sono mostrati concordi nell’affermare che più il sistema agroalimentare camuno sarà unito e coeso, meno correrà il rischio di imitazione.
Un invito è stato rivolto dal presidente della Comunità Montana Oliviero Valzelli ai ristoratori e agli operatori commerciali: “Proponete prodotti ottenuti dalle aziende agricole della Valle Camonica, diffidando di imitazioni o veri e propri inganni messi a segno attraverso l’utilizzo improprio di denominazioni e toponimi”. 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136