QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Breno: al via una campagna straordinaria di identificazione dei cani attraverso chip

domenica, 13 luglio 2014

Breno – L’Amministrazione comunale brenese cerca di mettere ordine nel settore della conduzione dei cani e della pulizia urbana dapprima con una campagna straordinaria di identificazione degli animali, per invitare i cittadini a dotarli del micro chip e, in seguito, realizzando un nuovo regolamento per la disciplina dei comportamenti nelle aree pubbliche. Il tutto al fine di migliorare il decoro urbano e l’igiene.foto valle camonica

Grazie a un accordo con l’Asl, venerdì 18 luglio dalle 16.30 alle 19.30 nell’ambulatorio dell’Azienda sanitaria di via Nissolina a Breno si svolgeranno le operazioni di apposizione del chip per tutti i brenesi che si presenteranno spontaneamente con i loro cani, con prezzi agevolati concordati dal Comune con l’Asl. Per un cane si pagheranno 18 euro, per due 30 euro, per tre animali 36 euro.

Ancora oggi nella cittadina sono parecchi gli animali non muniti di chip, nonostante si tratti di un obbligo previsto dalla legge. Il servizio predisposto dal Municipio, in collaborazione con l’Asl, per il 18 luglio è finalizzato ad aggiornare l’anagrafe canina dell’Azienda.

“È una misura atta non solo a regolarizzare la posizione dei cani – afferma il consigliere comunale delegato alla materia Giulio
Corbelli -, ma soprattutto è un modo per iniziare a tenere sotto controllo un problema che si sta evidenziando in paese da qualche tempo, ovvero la presenza di feci animali per strada. Nell’ultimo periodo in Municipio sono arrivate diverse segnalazioni dei cittadini e per questo l’Amministrazione intende risolvere il problema, non solo per motivi di decoro pubblico, ma anche per
questioni igieniche”.

In una fase successiva verrà quindi steso e approvato un regolamento che disciplina il comportamento de tenere con i cani nelle aree pubbliche, con il divieto di lasciare le feci animali per strada, così come giù avviene in moltissimi altri comuni sia camuni che italiani.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136