QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Breno, al Golgi arriva il progetto contro la violenza “Anch’io posso”. Oggi l’intervento degli esperti

mercoledì, 10 maggio 2017

Breno – Oggi l’associazione “Dieci” illustrerà nelle scuole il progetto contro la violenza. Erica Patti, mamma di Andrea e Davide, uccisi quattro anni fa dal loro padre Pasquale Iacovone nell’abitazione di Ono San Pietro (Brescia), ha costituito l’associazione “Dieci”, per sostenere le famiglie in difficoltà, i bambini e le donne vittime di violenza.

Ora l’associazione è entrata nelle scuole, per realizzare dei laboratori di sensibilizzazione e formazione dedicati agli studenti. Il primo passo al liceo Golgi di Breno (Brescia) con il progetto “Anch’io posso”, all’interno del quale i ragazzi, in spazi protetti, si sono confrontati con loro esperienze su violenza a persone a loro vicine, parenti, ami e conoscenti.

Oggi i risultati saranno illustrati nella sede del liceo Golgi, con gli studenti del quarto e ultimo anno. Saranno presenti anche i responsabili dell’associazione ed Erica Patti, quindi il Maggiore Salvatore Malvaso, comandante dei carabinieri della compagnia di Breno, i responsabili della rete territoriale antiviolenza di Darfo e dello sportello antiviolenza Casa delle Donne.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136