QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Bovini in alpeggio: dal Lario alla Valle Camonica, l’ATS della Montagna ha iniziato la distribuzione del vaccino contro l’IBR

venerdì, 13 maggio 2016

Edolo – La stagione in alpeggio sta per iniziare e l’ATS della Montagna fa il punto della situazione rispetto a tutte le possibili azioni da intraprendere per la cura e il benessere degli allevamenti che fra un mese circa saliranno in quota.

Nello specifico l’attenzione del Dipartimento di Prevenzione Veterinario è rivolta all’IBR, Rinotracheite Infettiva Bovina, una malattia virale che colpisce solo i bovini .

Questa patologia si trasmette per contatto diretto tra gli animali e si manifesta clinicamente con forme respiratorie e aborti. Considerata la rilevanza che l’infezione da IBR ha in campo zootecnico per quanto riguarda la movimentazione e commercializzazione degli animali, in attesa dell’applicazione del nuovo Piano regionale di Controllo e Certificazione dell’IBR approvato con D.d.s. 17 febbraio 2016 – n. 1013, la Regione Lombardia ha deciso di fornire gratuitamente, anche per il 2016, il vaccino contro l’IBR per la profilassi immunizzante dei bovini degli allevamenti che praticano l’alpeggio.stasi ats montagna

L’ATS della Montagna ha già iniziato la distribuzione del vaccino agli allevatori interessati che potranno rivolgersi ai medici veterinari di loro fiducia previa compilazione degli appositi moduli disponibili presso le sedi del Dipartimento di Prevenzione Veterinario del territorio delle sedi distrettuali del Medio Alto Lario e di Chiavenna, Morbegno, Sondrio, Tirano, Bormio e Breno in Valle Camonica. (Nella foto il Direttore Generale dell’ATS della Montagna, la dottoressa Maria Beatrice Stasi)

Sarà cura dei medici veterinari liberi professionisti interessati provvedere al ritiro e all’effettuazione delle vaccinazioni secondo la normativa vigente.

Si ricorda, inoltre, che i cani al seguito degli animali che praticano l’alpeggio, oltre ad essere identificati e iscritti all’anagrafe dovranno essere vaccinati contro la rabbia con oneri a carico dei proprietari.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136