QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Bordonali: “Valorizziamo il territorio bresciano e lombardo garantendo sicurezza”

giovedì, 30 giugno 2016

Brescia – “La Regione Lombardia sa che per creare valore sul territorio e’ necessario che tutte le iniziative si svolgano nel migliore dei modi ed e’ per questo che siamo costantemente in campo per permettere ai visitatori di pensare solo ed esclusivamente a godersi le meraviglie bresciane e lombarde, intervenendo al fine di garantire loro la sicurezza a 360 gradi”. Lo ha detto l’assessore regionale alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione, Simona Bordonali, aprendo i lavori del convegno ‘Brescia e il turismo: una occasione di rilancio per il territorio’ che si e’ svolto nell’auditorium Santa Giulia di Brescia in occasione dei sessant’anni di fondazione del quotidiano ‘Il Giorno’.bordonali

EXPO E THE FLOATING PIERS
Bordonali ha ricordato che negli ultimi dodici mesi sono stati principalmente due gli eventi che hanno messo il territorio lombardo al centro del mondo: Expo e The Floating Piers.

LA STRAORDINARIA EFFICIENZA DEI NOSTRI VOLONTARI
“Durante il semestre Expo – ha ricordato l’assessore – sono stati impegnati 3.319 volontari lombardi di protezione civile, appartenenti a piu’ di 500 associazioni e gruppi comunali o intercomunali di tutte le province del territorio regionale. Hanno prestato servizio per oltre 12.000 turni complessivi occupandosi di garantire il regolare flusso e deflusso dei visitatori all’area espositiva, di assicurare il pronto intervento in caso di emergenza legata al maltempo, di gestire i servizi e di garantire il regolare svolgimento delle manifestazioni legate all’evento. Oltre alle attivita’ ordinarie hanno realizzato piu’ di 1.000 interventi extra, come azioni di primo soccorso e assistenza. Il ‘modello Lombardia’ ha dato prova di straordinaria efficienza”.

LA PASSERELLA DI CHRISTO, 250.000 EURO PER SICUREZZA
The Floating Piers invece non e’ stato classificato come ‘grande evento’. “Noi pero’ – ha concluso l’assessore – l’abbiamo considerato come tale. Sono arrivati agenti di polizia locale da Milano e da Brescia, cosi’ come volontari di protezione civile da diverse province lombarde. Questo dimostra come l’evento, pur rimanendo bresciano, stia coinvolgendo tutto il territorio lombardo. Sono impegnati ogni giorno 100 agenti di polizia locale, 400 volontari di protezione civile e oltre 40 mezzi di protezione civile, tra sala operativa mobile, cucina, gommoni, fuoristrada e automobili. La Regione Lombardia ha investito 250.000 euro per la sicurezza”.

“La valorizzazione turistica di un territorio aumenta rendendolo sicuro e preservandone la bellezza e il paesaggio. Bene quindi i riflettori su un’opera unica come The Floating Piers, ma la Regione deve pensare anche al lungo periodo. Per questo abbiamo voluto promuovere la legge contro il consumo di suolo e quella per la sua difesa dal rischio idrogeologico, pensando a una pianificazione urbanistica piu’ razionale e investendo in opere contro frane e alluvioni”. Lo ha detto l’assessore regionale al Territorio, Urbanistica, Difesa del suolo e Citta’ metropolitana Viviana Beccalossi, intervenendo oggi a Brescia in occasione della tavola rotonda da ‘Il Giorno’ su “Turismo: una occasione di rilancio per il territorio”.

METTERE IN RETE 27 COMUNI
“In provincia di Brescia – prosegue Viviana Beccalossi – il mio assessorato sta puntando anche al Piano Territoriale d’Area dedicato alla Franciacorta, che mette in rete 27 Comuni a altri importanti partner per valorizzare tutte le potenzialita’ del territorio, che merita di essere conosciuto nel mondo al pari delle sue famose bollicine: puntiamo a far parlare non solo ‘del’ Franciacorta, ma ‘della’ Franciacorta”.

RECUPERARE EDIFICI RURALI
L’assessore Beccalossi ha ricordato uno studio contenuto all’interno del Piano uno studio che ha comparato la Franciacorta con gli altri distretti vitivinicoli piu’ famosi, a partire da Barolo e Valdobbiadene, evidenzia in Franciacorta un deficit di posti letto rispetto alle potenzialita’ del territorio e alla sua attrattiva potenziale.

Uno dei compiti del PTRA sara’ quello di incentivare la mappatura e il successivo recupero a fini turistici di recupero e successivo riuso degli edifici rurali, per aumentare un’offerta coerente e sostenibile con territorio e paesaggio.

FIERA PER ROCCA D’ANFO
“Infine -conclude Viviana Beccalossi – sono fiera del lavoro svolto per recuperare la Rocca d’Anfo sul lago d’Idro, che si conferma il polo attrattivo della Valle Sabbia, e che abbiamo finalmente riaperto al pubblico, raddoppiando i giorni di apertura per soddisfare le aspettative dei numerosi turisti”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136