QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Bienno, l’impresa di Temperato entra nella storia: scala il Crocedomini con una bici senza una ruota e un tempo record

mercoledì, 1 luglio 2015

Bienno – Un’altra impresa. Simone Temperato ha dato spettacolo e firmato un’altra impresa ciclistica. Senza una ruota scala il Crocedomini a tempo di record.

Per Simone Temperato, 41 anni di Bassano del Grappa, sembra che la ruota anteriore non serva proprio a nulla. Simone Temperato - Crocedomini1Ciclista estremo famoso per aver scalato tra le dure e difficili salite con una sola ruota, Stelvio, Gavia, Zoncolan, Fedaia solo per citarne alcuni, ha stabilito, sabato scorso, un’altra entusiasmante performace di equilibrismo sulla salita del Passo Crocedomini.

Partito da Bienno è riuscito con la sua bici da corsa priva di ruota anteriore a scalare tutti gli interminabili 18 chilometri di ascesa in un tempo record di 1 ora 33 minuti e 59 secondi.

Ad aiutare il Magico Tempe, questo è il suo soprannome, è stata l’Associazione Niardo For Bike che si è presa il compito di organizzare in tempo record la scalata di Simone nel migliore dei modi e in piena sicurezza.

“Sono molto soddisfatto della mia prova –  ha dichiarato Simone appena giunto in cima al Passo Crocedomini – ho impartito fin da subito un buon ritmo, continua, e ho cercato di mantenerlo anche lungo i tratti più duri come quello della pineta e quello vicino alle cascate”.

“Un momento di difficoltà c’è l’ho avuto nel tratto del rifugio Bazena – ha proseguito -, qui infatti ho trovato molto vento laterale che mi sbilanciava notevolmente, non è stato facile rimanere in equilibrio in quelle condizioni. Ringrazio molto Tiziano Bondioni della Niardo for bike che mi ha dato una mano ad organizzare l’impresa e alle persone che mi hanno seguito lungo l’ascesa, in particolar modo a Giacomo Bellicini che, assieme a suo papà e al figlio Federico mi hanno incitato fino alla fine. E’ stata dura ma alla fine ci sono riuscito, anche il Crocedomini è da mettere in archivio, in provincia di Brescia ci sarebbero ancora salite che mi piacerebbe scalare con una sola ruota, spero di venire ancora in questi posti, li ho trovati davvero bellissimi. Dopo questa impresa c’è da aspettarsi di tutto insomma, non è un caso se il suo headline è “l’impossibile non esiste ancora!”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136