QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Bienno e Prestine verso la fusione comunale. Prestine ha già dato l’ok, Bienno lo farà a luglio

giovedì, 25 giugno 2015

Bienno – Attesa per le decisioni del Consiglio comunale di Bienno, poi inizierà l’iter regionale per la fusione dei Comuni di Bienno e Prestine.

Il primo passo è stato fatto da Prestine che ha già dato il via libera. Franco Monchieri, sindaco di Prestine, ha illustrato in Consiglio comunale il progetto di fusione tra i due municipi con lo schema di statuto. Il documento è passato con sette voti favorevoli e quattro contrari, del gruppo di minoranza ‘Indipendenza Lobienno paesembarda’ e di Marco Trombini.

Fabio Toffa, capogruppo dell’opposizione e segretario provinciale del movimento Indipendenza Lombarda, ha annunciato di voler ricorrere al Tar, qualora sindaco e maggioranza proseguissero nel progetto di fusione.

Il sindaco Monchieri e la sua maggioranza hanno prodotto una relazione sulla fusione imperniata su questioni meramente economiche e storiche.

La parola passa al Consiglio comunale di Bienno, che si esprimerà entro metà luglio, votando il progetto di fusione e le linee guida dello statuto. Poi i due atti saranno quindi inviati in Regione, poi sarà sentito il parere di Comunità montana e Provincia. Entro dicembre – se l’iter andrà secondo quanto previsto – ci sarà il referendum nei due Comuni. Il nuovo municipio si chiamerà Bienno.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136