QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Bienno e Prestine verso la fusione: avviato l’iter, a giugno la decisione dei due Consigli comunali

giovedì, 21 maggio 2015

Bienno – E’ iniziato l’iter per il progetto di fusione dei Comuni di Bienno e Prestine che si chiamerà “Bienno”.

Fino all’epoca fascista Bienno e Prestine erano già unite. Adesso le Amministrazioni dei due municipi della Valgrigna sono impegnate nella fase che li porterà ad approvare il progetto di fusione, che dovrà poi passare in Regione Lombardia. Per accelerare i tempi, in aula verrà discussa anche la bozza di Statuto del nuovo Comune, che unirà Bienno e di Prestine.

Nello statuto particolare attenzione verrà data alla rappresentatività di Prestine, paese più piccolo (400 abitanti contro i 3.500 di Bienno): entrambi i borghBiennoi saranno rappresentati da un prosindaco, mentre in Giunta ci dovrà essere almeno un assessore di Prestine.

Prima della discussione nei Consigli comunali ci saranno assemblee pubbliche. Poi l’atto amministrativo dei due municipi che sarà approfondito in Regione, quindi il referendum consultivo, che potrebbe essere in autunno, e verrà anche chiesto a Comunità montana e Provincia di Brescia se esistano dei motivi ostativi. Le elezioni – se tutto andrà bene – si terranno in primavera 2016.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136