QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Berzo Demo, l’assessore regionale Terzi sull’ex Selca: “Giustizia è fatta, chi inquina deve pagare”

venerdì, 13 maggio 2016

Berzo Demo – Il caso ex Selca tiene ancora banco. Il processo e il recente pronunciamento del Tar di Brescia stanno cambiando lo scenario sulla “terra dei fuochi” camuna. Adesso interviene l’assessore regionale, Claudia Terzi: “Sono molto soddisfatta, giustizia è fatta. Chi sbaglia e inquina deve pagare”. Cosi’ l’assessore  regionale all’Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile, Claudia Terzi, commenta la sentenza del Tar di Brescia del 12 maggio che ha stabilito che gli amministratori Flavio Bettoni, Piergiorgio Bosio, Ettore Vacchima e il curatore fallimentare Giacomo Ducoli sono i responsabili dell’inquinamento della ex Selca di Berzo Demo e, come tali, dovranno provvedere alla bonifica del sito.

assessore claudia terzi

TONNELLATE DI VELENI

Nel sito camuno sono parcheggiate decine di migliaia di tonnellate di scorie contenenti fluoruri, cianuri e metalli pesanti altamente cancerogene.  Tutti e quattro, secondo i giudici, “hanno sottovalutato il rischio accettando che la situazione potesse progressivamente aggravarsi e finire fuori controllo”.

FARE IN FRETTA E BENE

“Anche i giudici hanno verificato che i soldi ci sono – aggiunge Terzi -. Come Regione Lombardia ci siamo subito attivati investendo oltre 200mila euro per la messa in sicurezza del sito”. “Ora – conclude l’assessore Terzi – bisogna fare in fretta e bene perché la tutela della salute dei cittadini e dell’ambiente non può più aspettare”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136