QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Berzo Demo: la Corbat di Flero effettuerà i lavori per la messa in sicurezza dell’area ex Selca

lunedì, 31 agosto 2015

Berzo Bemo – Il caso ex Selca di Berzo Demo (Brescia) tiene banco. Oggi la speciale Commissione ha verificato le buste pervenute da parte di ditte interessate a partecipare all’asta per la messa in sicurezza dei rifiuti stoccati sui piazzali esterni della ex-Selca. E solo la Corbat Srl di Flero ha partecipato al bando ed effettuato un ribasso d’asta del 16% sull’importo base di 185 mila euro.

L’assessorato all’Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile di Regione Lombardia affidato a Claudia Terzi – ribaselca10dito anche nella recente visita in Valle Camonica – ha deciso una misura eccezionale e stanziato 240mila euro per lo stoccaggio dei rifiuti ancora all’aria aperta sui piazzali della ditta fallita nel febbraio 2010.

Il provvedimento è stato sollecitato da Arpa e Asl, dal Comune di Berzo Demo e dalla Commissione parlamentare che ha effettuato un sopralluogo nei primi giorni dell’estate e dalla cui relazione sono scaturite anche le ultime misure comunicate dal Procuratore generale di Brescia Pier Luigi Maria Dell’Osso a seguito dell’audizione davanti alla commissione parlamentare d’inchiesta sulle attività legate al ciclo dei rifiuti sulla ex-Selca di Berzo Demo.

Le misure prevedono tre filoni di inchiesta con pesanti capi d’imputazione, poiché nessuno in questi anni ha provveduto alla messa in sicurezza dell’area, nella quale sono stoccati almeno 23 mila tonnellate di rifiuti tossici (ma secondo i tecnici il quantitativo è decisamente superiore), non lo hanno fatto gli ex-proprietari e gli ex-amministratori, non lo ha fatto il curatore fallimentare, nonostante l’ordinanza dell’allora sindaco Corrado Scolari che gli intimava di provvedere entro 60 giorni al piano di bonifica dell’area.

L’attuale primo cittadino Gianbattista Bernardi ha proseguito l’azione precedente ottenendo da Regione Lombardia un contributo di 240.000 euro per la messa in sicurezza temporanea, in attesa della bonifica definitiva, del materiale stoccato all’aperto alle intemperie con la forte preoccupazione che le piogge potessero far penetrare rifiuti tossici nel terreno e quindi nei corsi d’acqua e peggio ancora nella falda.

La Commissione ha verificato le ditte che hanno partecipato e solo una – la Corbat Srl Flero – ha partecipato ed effettuato un ribasso d’asta del 16% sull’importo base di 185 mila euro, in base al capitolato sul progetto di messa in sicurezza redatto dall’ingegner Cesare Damiola. La Corbat ha anche accettato di procedere alle migliorie richieste con particolare riferimento alla copertura con doppia membrana speciale del materiale che non si riuscirà ad insaccare e a trasportare al coperto. Il tempo di esecuzione dei lavori previsto dalla gara d’appalto è di 90 giorni.

Espletate le formalità burocratiche necessarie, i lavori potranno iniziare tra qualche giorno e dunque si prevede il completamento dell’intervento entro fine anno. Per quanto riguarda il ribasso d’asta del 16%, pari a circa 30.000 euro, l’Unione dei Comuni della Valsaviore, stazione unica appaltante dell’intervento, chiederà alla Regione che possano essere utilizzati per altri interventi nella zona.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136