QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Berzo Demo: il caso ex Selca torna in Parlamento

martedì, 18 febbraio 2014

Berzo Demo – Un’altra interrogazione da parte dell’onorevole della Valle Camonica. Davide Caparini, sulla preoccupante situazione venutasi a creare nell’area ex-Selca, ex-Ucar a Berzo Demo. “In Val Camonica siamo in presenza di una emergenza ambientale a causa dell’inquinamento del terreno che minaccia la salute pubblica” – si legge nell’interrogazione rivolta al Ministro dell’Ambiente che ripercorre tutta la crono storia della complicata vicenda e che ricorda che in data 31 gennaio scorso la Camera ha accolto l’ordine del giorno presentato da Caparini che impegna il Governo a valutare un intervento, in collaborazione con le strutture regionali, per la messa in sicurezza del sito ex SELCA SpA di Berzo Demo e la necessaria bonifica. Ora l’interrogazione chiede al Ministro, attraverso il nucleo operativo ecologico, di approfondire, per quanto di propria competenza, i danni ambientali provocati dalle attività industriali svolte in passato sul territorio del comune di Berzo Demo e di accertare le precise responsabilità.

LA VICENDA 

Dopo aver incassato il via libera all’ordine del giorno con cui si chiedeva un attivo impegno del Governo in merito alla bonifica dell’area “ex-Selca” a Berzo Demo, l’onorevole Davide Caparini ha interrogato il Ministro dell’Ambiente Orlando evidenziando come, in attesa della bonifica del sito, occorra tranquillizzare i cittadini sugli effettivi rischi per l’ambiente e per la salute pubblica. Sulla vicenda sono già stati coinvolti l’Assessore Regionale all’Ambiente, Claudia Terzi, il consigliere regionale Donatella Martinazzoli ed il sindaco di Berzo Demo, Corrado Scolari.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136