QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Berzo Demo /1 Statale 42 chiusa, sopralluogo dei geologi. Il sindaco Bernardi: “In tempi brevi la riapertura”

giovedì, 14 luglio 2016

Berzo Demo – Prosegue la mobilitazione in Alta Valle Camonica, dopo la chiusura della statale 42 a Berzo Demo (Brescia). Le due strade alternative (Zazza-Berzo Demo e FornoAllione-Malonno) sono intasate e lunghe code si sono formate sia in direzione Edolo-Berzo Demo, sia in direzione opposta. Le forze dell’ordine bloccano i mezzi pesanti a Edolo e prima dell’ultima galleria di Berzo Demo, perché le due strade alternative non sono percorribili da Tir e camion.

“L’auspicio – spiega il sindaco di Berzo Demo, Giovan Battista Bernardi - è risolvere in giornata i problemi: dopo il sopralluogo dei geologi sarà rimosso il masso e messa in sicurezza la zona”. Il presidente dell’Arnica, Manolo Bosio, spiega l’attività svolta nelle ultime ore: “I nostri volontari, in collaborazione con i volontari de Le Torri di Malonno, sono impegnati da questa notte nel presidiare ed effettuare un servizio di informazione e assistenza alla popolazione a seguito della chiusura nel tratto Forno Allione – Malonno della statale 42 del Tonale”.

Le torri malonno

Al lavoro dalla mezzanotte ci sono i vigili del fuoco di Edolo, Vezza d’Oglio e Darfo, i volontari dell’Arnica di Berzo Demo e della Protezione Civile “Le Torri” di Malonno, quindi i carabinieri di Cedegolo i due sindaci, Giovan Battista Bernardi (Berzo Demo) e Stefano Gelmi (Malonno) e i tecnici dell’Anas. L’Anas ha comunicato ufficialmente che “è stato attivato un servizio di presidio per il monitoraggio della situazione: da stamattina sono in corso i sopralluoghi sul costone montuoso, coadiuvati da un geologo, per verificare le operazioni necessarie alla messa in sicurezza della zona e del tratto stradale”.

Statale 42 chiusa

Nelle prossime ore sarà completata la bonifica dell’area a rischio, con la rimozione del masso, e la statale 42 dovrebbe tornare percorribile entro il pomeriggio. Tutto però dipenderà della decisione dei geologi.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136