QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Banda larga, 450 milioni per rilanciare montagna e aree rurali: 200 Comuni bresciani coinvolti. Mottinelli: “Ecco l’obiettivo”

venerdì, 12 maggio 2017

Brescia – Per combattere l’isolamento delle zone montane, e più in generale di tutte le aree poco densamente abitate, spesso prive di connessioni internet con la banda ultra larga, il presidente della Provincia di Brescia, Pier Luigi Mottinelli, ha deciso di intervenire, per facilitare e velocizzare la spesa di Fondi europei che verranno gestiti da Stato e Regione, per circa 450 milioni di euro.

mottinelliMottinelli ha infatti dato il via libera a una convenzione con Infratel, società del ministero dello Sviluppo economico.  Attraverso questa convenzione si potrà attuare più velocemente in Lombardia, in accordo con la Regione, la “Strategia nazionale Banda ultra larga”: si tratta di 381 milioni di euro, che arrivano dal governo, e 69 dalla Regione.

Sono 200 i comuni bresciani coinvolti – ha dichiarato Mottinelli – L’obiettivo è quello di garantire al 100% delle abitazioni una connessione ad almeno 30 Mbps, portare più del 70% delle case a oltre 100 Mbps e collegare in fibra ottica scuole, ospedali e sedi della pubblica amministrazione. Nessuno deve rimanere isolato rispetto all’utilizzo della rete. La Provincia, Casa dei Comuni, si impegnerà per contribuire a raggiungere questo importante traguardo e garantire agli abitanti della montagna e delle aree rurali le stesse prerogative di quelli che abitano in città”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136