QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Bacheca Menici: il ricordo del tenente colonnello ucciso nel ’44. A Corteno Golgi la cerimonia del circolo Ghislandi

sabato, 25 aprile 2015

Corteno Golgi – Inaugurata la Bacheca Menici a Corteno Golgi (Brescia), alla presenza di Associazioni e autorità, in primis il sindaco Guido Martinotta. La Bacheca in ricordo del tenente colonnello Raffaele Menici è stata posizionate a Ponte Scale di Corteno Golgi e la cerimonia organizzata dal circolo culturale “Ghislandi”. Sono intervenuti il sindaco Guido Martinotta, poi il saluto di Gino BoldiBoldini - Nulli partigianini, medaglia d’oro alla Resistenza (nella foto a lato mercoledì a Roma Gino Boldini e Agape Nulli sono stati fra i partigiani insigniti con la “Medaglia della Liberazione” dal Ministro della difesa Roberta Pinotti) e la commemorazione di Giancarlo Maculotti. L’evento è stato presentato da Katia Eufemia Bresadola.  Presenti le Associazioni della Valle Camonica, in particolare Anpi e Museo della Resistenza di Saviore.

LA RICOSTRUZIONE DI FRANZINELLI
La vicenda del tenente colonnello Raffaele Menici è raccontato dallo storico e scrittore camuno Mimmo Franzinelli nell’e-book “Fuoco amico”. Mimmo Franzinelli racconta così: “In un grigio pomeriggio del novembre 1944 il tenente colonnello Raffaele Menici, reduce della guerra sull’Adamello, unitosi a un gruppo di giovani alpini collegati alla 54a Brigata Garibaldi, è condotto da due partigiani delle Fiamme verdi all’appuntamento con la morte. Ad attenderlo a fondo valle, a sua insaputa, c’è un ufficiale delle SS. Siamo sui monti bresciani tra l’Aprica e il Tonale nei mesi in cui l’avanzata anglo-americana è bloccata alla Linea Gotica.

La premessa della tragedia è la strana alleanza stretta da un gruppo di Fiamme verdi con i tedeschi: nella zona franca di Edolo Menici, contrario alla tregua col nemico che occupa il Paese, è tagliato fuori”. Per anni nel dopoguerra il colonnello assassinato è stato presentato come un traditore ma, a settant’anni dagli avvenimenti, grazie a un lungo lavoro di ricerca su documenti e testimonianze, lo storico Mimmo Franzinelli ha meticolosamente ricostruito, dirandando nebbie e menzogne su una pagina tragica della storia della Resistenza in Valle Camonica, mostrando come più sconvolgente dello stesso ricordo della guerra civile sia stata la conflittualità interpartigiana che, dopo tanti anni, costituisce ancora un grumo irrisolto.

DOVE SI TROVA 

La Bacheca Menici è stata posizionata sul senmenici cortenotiero Golgi – via Valeriana-  a ponte Scale, un punto di passaggio per residenti e turisti, quindi un’occasione per fermarsi a riflettere su quanto accaduto nel secondo conflitto mondiale, a 70 anni dalla Liberazione.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136