QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Audizione ENEL di Breno in Regione, Martinazzoli: “Vigileremo affinché l’azienda mantenga impegni presi”

giovedì, 4 settembre 2014

Breno –  E’ avvenuta oggi in Regione Lombardia, presso la IV Commissione Attività Produttive, l’audizione riguardante la situazione della sede ENEL di Breno (BS) chiesta dal consigliere regionale della Lega Nord, Donatella Martinazzoli. All’audizione hanno partecipato le rappresentanze sindacali, i responsabili dell’ENEL e il Presidente della Comunità Montana e BIM di Valle Camonica.

foto valle camonica

Al Punto Enel di Breno fanno riferimento 106 mila clienti, 18mila dei quali in provincia di Bergamo. Mentre i sindacati hanno sottolineato che politiche di riorganizzazione e accorpamento con Brescia potrebbero alla lunga incidere sul personale, Enel Distribuzione ha spiegato che il processo di riorganizzazione non comporta tagli al personale e non avrà ripercussioni sulla qualità del servizio. A livello numerico sono state ricordate le 1500 assunzioni a tempo indeterminato di Enel, 200 delle quali in Lombardia e 19 in provincia di Brescia.

“Giudichiamo positiva – ha affermato Martinazzoli – questa audizione in cui le parti sociali, azienda e sindacati, hanno potuto confrontarsi. Oggi l’azienda ha confermato l’impegno a mantenere i livelli occupazionali sul territorio per l’unità operativa di Breno e hanno voluto sottolineare il mantenimento della sede di Edolo.

Nonostante le rassicurazioni dell’azienda, i sindacati hanno espresso preoccupazione per le prospettive a medio e lungo termine. Personalmente credo che lo sfruttamento e l’impegno del territorio vada compensato con un riconoscimento maggiore, sia a livello occupazionale sia di competenze.” “Vigileremo in ogni caso – conclude Martinazzoli – affinché ENEL tenga fede agli impegni presi oggi in Commissione.”


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136