QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Ats Montagna, nuovi servizi sociosanitari per le aree montane e disagiate della Lombardia

mercoledì, 8 febbraio 2017

Milano – Via libera dall’aula del Pirellone alla mozione sull’ampliamento a tutti i territori disagiati della Lombardia, individuati attraverso criteri geografici, demografici e orografici oggettivi, gli incentivi per l’accesso ai servizi sociosanitari, ora riservati unicamente all’ATS della Montagna (che comprende i territori del Medio e Alto Lario, Valle Camonica, Valtellina e Valchiavenna).

Soccorso alpino elicottero Esine 1

La richiesta è contenuta in una mozione illustrata dal Consigliere Angelo Capelli (Lombardia Popolare). In particolare, il documento chiede che il progetto per la presa in carico delle cronicità in zone di montagna (A.R.N.I.C.A), che ora coinvolge 168 Comuni degli ambiti distrettuali di Bormio, Tirano, Chiavenna, Morbegno, Sondrio, Dongo, Menaggio e Breno venga esteso ad altri territori in ragione delle oggettive difficoltà di accesso ai servizi sanitari e di assistenza.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136