QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

ATS Montagna: confronto su sostanze d’abuso, esperienza e aspetti medico legali

sabato, 19 novembre 2016

Sondrio – Operatori dei laboratori di prevenzione, medici della Commissione Medica Locale, operatori dei SERT, personale del Pronto Soccorso dei presidi ospedalieri dell’ASST, responsabili di presidio e Forze dell’Ordine, a questi professionisti era rivolto il convegno dal titolo “Sostanze d’abuso, esperienza e aspetti medico legali nel territorio dell’ATS della Montagna” organizzato e promosso ieri presso la sala vitali di Sondrio, dall’ATS della Montagna.

beatrice-stasi

Fra i partecipanti e i relatori erano presenti numerosi dipendenti e specialisti provenienti anche dall’ATS Metropolitana di Milano, dall’ATS di Bergamo, dall’ASST Valtellina Alto Lario, nonché rappresentanti della Polizia di Stato, dei Carabinieri e della Commissione Medico Locale di Sondrio.

A fare gli onori di casa il Direttore Generale, Maria Beatrice Stasi (nella foto a lato). “Il territorio dell’ATS della Montagna – ha dichiarato Stasi portando i suoi saluti – è molto esteso ma le problematiche che lo affliggono sono comuni. Dal lago di Porlezza a quello di Iseo, l’ATS della Montagna deve, quindi, promuovere momenti di studio che possano incrementare lo scambio e la condivisione di esperienze, buone prassi e metodi. L’ATS della Montagna – ha aggiunto – deve sempre avere la massima attenzione al proprio territorio valorizzando quel sano principio di contaminazione che, in certi casi, può portarla ad essere un esempio e un valido caso di studio”.

Nel corso del convengo si sono alternati al tavolo relatori dell’ATS della Montagna così come dall’ATS di Milano,   dall’Università di Pavia, dal Sant’Anna di Como e dall’ASST Valtellina e Alto Lario.

Obiettivo, fare il punto della situazione alla luce di quanto stabilito dalla legge di riforma n. 23 del 2015. Al di là delle problematiche relative all’abuso di sostanze stupefacenti e alcoliche e alle conseguenti implicazioni in materia di sicurezza stradale, le azioni svolte in ambito di controllo impongono una più ampia e generale riflessione che coinvolge enti e servizi diversi che, sempre di più, devono integrare i propri mandati in un’ottica di prevenzione.

ats-montagna-stasi-10

“Con la legge di riforma – ha spiegato il Direttore Sanitario, Lorella Cecconami – le competenze in tema di medicina legale passano all’ASST, ma su questa partita , come su tante altre, il principio del fare rete fra i diversi servizi non verrà meno, anzi si potenzierà sempre di più. Nelle nostre valli il problema legato all’uso e all’abuso di alcol è una realtà - ha aggiunto Cecconami – ed è spesso all’origine di incidenti stradali anche gravi”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136