QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Asl Valle Camonica, i 5 anni di attività del direttore generale Pedrini: “Garantiti servizi di qualità”

lunedì, 21 dicembre 2015

Esine – La nuova riforma entrerà in vigore il 1° gennaio 2016 e l’avvicendamento ai vertici della sanità camuna e lombarda sono stati decisi dalla Regione nella Giunta di sabato scorso. Per i manager che lasciano le aziende ospedaliere e le Asl è tempo di bilanci.

Il direttore generale dell’ASL Valcamonica, Renato Pedrini, con accanto i direttori sanitario (Fabio Besozzi), amministrativo (Eva Colombo) e sociale ( Vanni Ligasacchi), ha tracciato un quadro sull’attività dei cinque anni. Un lustro in cui l’Asl Valle Camonica è cresciuta e si è rafforzata con investimenti come la realizzazione della Cittadella della salute mentale e la palazzina della libera professione, il Pronto Soccorso e attivando la risonanza magnetica e la radioterapia. Il direttore generale Renato Pedrini ha posto l’accento su alcune questioni e ribadito che “è stato mantenuto un buon livello in qualità e quantità dei servizi”.Renato Pedrini 1

Il progetto che rappresenta il fiore all’occhiello è l’animazione territoriale, realizzato insieme agli enti locali e al sindacato per portare i servizi delle case di riposo all’esterno, integrando le forze per spostare i pazienti cronici dall’ospedale al territorio. Da definire rimane la questione parcheggi, quando sarà concluso lo svincolo, e l’elisuperficie per il volo notturno, che è in dirittura d’arrivo. Un discorso a parte merita invece la questione carenza dei medici che dovrà essere risolto con la riforma sanitaria.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136