QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Artiglieri, successo del XXIX raduno a Darfo Boario Terme. Presenti oltre seimila persone. Photogallery

domenica, 8 maggio 2016

Darfo Boario Terme – Gran finale del XXIX raduno degli Artiglieri d’Italia in Valle Camonica. Più di 6mila persone hanno partecipato oggi al grande evento  di Darfo Boario Terme e ha interessato l’intera valle, con tappe a Edolo, Temù e Passo Tonale (Nelle foto i momenti più importanti della manifestazioni conclusiva).

In mattinata allo stadio di Darfo si è tenuta la cerimonia ufficiale, con la sfilata per le vie della città e la conclusione in piazza della stazione. Presenti parlamentari (Berlingheri e Cominelli), l’europarlamentare Morgan, la consigliera regionale Donatella Martinazzoli, il consigliere provinciale Domenico Peli, il sindaco di Darfo Boario Ezio Mondini, i sindaci della Valle Camonica, il presidente del Bim (Oliviero Valzelli) quindi comandanti dell’esercito, dal colonnello Giorgio Battisti al comandante Rocco Viglietta.

Durante la cerimonia ufficiale sono stati letti i messaggi del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al sottosegretario alla Difesa, Domenico Rossi. Toccanti i messaggi e l’intervento del sindaco Ezio Mondini: “Con questo Raduno celebriamo la memoria, fondamento del presente e del futuro per rinnovare il processo vitale di crescita civile e sociale nato dalla solidarietà e dalla integrazione. Oggi, tutti noi, siamo chiamati a preservare, con responsabilità e coesione, gli irrinunciabili e vitali valori della libertà, dei diritti, del consenso . E cito il Presidente Mattarella “…non dobbiamo avere paura della verità, perché senza la verità, senza la ricerca storica, la memoria sarebbe destinata ad impallidire e le celebrazioni rischierebbero di divenire un esercizio retorico”. L’augurio, per tutti noi, è, quindi, di vivere questo Raduno come occasione di memoria e riflessione, nella gioia dell’incontro, all’insegna dell’amicizia. Permettetemi, da ultimo di porgere un plauso e di esprimere gratitudine agli organizzatori che, da molti mesi, si stanno adoperando per la buona riuscita della manifestazione. Rinnovo il saluto cordiale a tutte le delegazioni che dall’Italia e dal Mondo sono convenute a Darfo Boario Terme e un ringraziamento di cuore alle scuole, a tutte le associazioni, ai volontari che, proprio con quello spirito di solidarietà e impegno che stiamo celebrando, offriranno il loro prezioso supporto”.

Durante la cerimonia militare sono stati resi gli onori una Batteria formata da un plotone del 121° Rgt. Artiglieria c/a, e un plotone del Rgt. Artiglieria a Cavallo “Voloire”, e alle rappresentanze di altre Forze Armate e Corpi Militari, le Associazioni d’Arma ospiti, e le Autorità Militari. Erano presenti 215 delegazioni, compresa la delegazione della Sardegna e il presidente della Sezione che è giunto dalla lontana Australia. Inoltre erano presenti decine di associazioni d’Arma, accompagnati da Drappelli di loro Soci ed un folto Gruppo di Artiglieri da Montagna, del disciolto 5° Reggimento da Montagna. Delegazioni estere, anche da Francia, Austria e San Marino.

Dopo la cerimonia ufficiale la tradizionale sfilata per le vie cittadine, con l’ideale “abbraccio” fra popolazione civile e militari. Dopo il Rancio dell’Artigliere, l’Ammainabandiera con la solenne conclusione del Raduno.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136