QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Artigiani, mancato rinnovo del contratto regionale: il 23 novembre doppio presidio dei sindacati

mercoledì, 15 novembre 2017

Roccafranca – Feneal, Uil, Filca, Cisl, Fillea, Cgil Lombardia denunciano il mancato rinnovo del contratto regionale artigiani legno e lapidei e organizzano due presidi il 23 novembre 2017, dalle 7.30 alle 12, davanti alle aziende dei presidenti regionali di Confartigianato e Cna, a Gallarate (Varese) e Roccafranca (Brescia).

Di fronte al blocco negoziale dei CCRL Lombardia, imposto dalle associazioni artigiane – si legge in una nota delle associazioni sindacali – le Segreterie Regionali di FENEAL UIL FILCA CISL FILLEA CGIL della Lombardia, unitamente a CGIL CISL UIL LOMBARDIA e CON IL SOSTEGNO DI TUTTE LE CATEGORIE in attesa di rinnovo del contratto regionale, richiamano alla responsabilità i Presidenti Regionali della Lombardia di CONFARTIGIANATO e CNA, protestando davanti alle loro aziende per denunciare la gravità della situazione e l’urgenza dell’avvio  delle trattative.

Le Federazioni di CGIL – CISL – UIL della Lombardia, per rafforzare l’iniziativa finalizzata al rinnovo di tutti i sei contratti regionali del settore artigiano, scaduti nella parte economica il 31.12.2014, sostengono appieno la scelta delle categorie FENEAL, FILCA, FILLEA di organizzare due presidi il prossimo 23 novembre. Condividono l’utilità della mobilitazione per ottenere una concreta apertura dei tavoli del confronto al fine di rinnovare i contratti regionali Legno e Lapidei ormai da tempo presentati alle controparti. Il valore generale di tale iniziativa sarà sostenuto attraverso la partecipazione ai presidi delle delegazioni territoriali e regionali da parte di tutte le confederazioni e delle categorie interessate al rinnovo dei  CCRL di oltre 180.000 lavoratori e lavoratrici lombarde delle imprese artigiane. 

FENEAL UIL FILCA CISL FILLEA CGIL LOMBARDIA, che rappresentano le lavoratrici e i lavoratori del settore, denunciano il mancato rinnovo del CONTRATTO REGIONALE ARTIGIANI LEGNO E LAPIDEI scaduto il 31 dicembre 2014.

Dopo l’incontro con le controparti, il 7 marzo scorso, è calato il silenzio nonostante i ripetuti appelli delle OOSS rivolti anche ai Presidenti Regionali di CONFARTIGIANATO, CNA, CLAAI E CASA.

FENEAL UIL FILCA CISL FILLEA CGIL LOMBARDIA ritornano a protestare per la mancanza di rispetto degli impegni presi dalle Associazioni Artigiane a seguito della mobilitazione del 16 febbraio scorso.

Secondo i dati forniti dagli Osservatori, il settore è in netta ripresa, come si è visto anche dal successo del Salone Internazionale del Mobile 2017, che ha registrato risultati positivi in termini di ordini e fatturati. L’Italia è il secondo Paese produttore in Europa e il quarto nel mondo in questo settore, ora si tratta di riconoscere a lavoratrici e lavoratori la loro quota di aumento salariale. 

Il mancato rinnovo contrattuale è lesivo della dignità dei 12.750 addetti del legno e dei 5.000 addetti nei lapidei che lavorano senza rinnovo del Contratto Regionale dal 2015 nelle 3.516 aziende lombarde e del Contratto Nazionale dal 2016.

Negare il diritto alla contrattazione decentrata di II livello, contrapponendola strumentalmente alla contrattazione nazionale, evidenzia una miope ostilità delle controparti, a tutti i livelli, nei confronti dei diritti delle lavoratrici e lavoratori del settore artigiano”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136