QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Area vasta, il camuno Mottinelli a Bruxelles lancia un modello di cooperazione

lunedì, 11 aprile 2016

Bruvelles – Il presidente della Provincia di Brescia, Pier Luigi Mottinelli, ha partecipato come Tecla e segreteria tecnica di ANCI alla due giorni dedicata a incontri istituzionali con i rappresentanti del Parlamento Europeo e del Comitato delle Regioni. Ha organizzato la trasferta belga Tecla, l’Associazione che da anni si occupa di cooperazione, innovazione e internazionalizzazione degli Enti Locali italiani. (Nella foto gli amministratori che hanno partecipato alla visita a Bruxelles con Mottinelli secondo da destra)

Mottinelli a Bruxelles 1

“La visita di Anci Lombardia – ha dichiarato il presidente Mottinelli – era auspicata da tempo per far si che il sistema Anci, e le sue declinazioni di funzioni nelle Aree Vaste, potesse cogliere le opportunità offerte dalla partecipazione a un programma di cooperazione internazionale. Alla luce delle riforme istituzionali avviate nel nostro paese, si deve cogliere l’opportunità di gestire i finanziamenti europei secondo una nuova governance, in un’ottica di area vasta.

Per questo si rende necessaria la creazione di “una rete tra i Comuni e le Aree Vaste” adatta a sviluppare tali questioni”. Secondo il Presidente Mottinelli, il modello SEAV (Servizio Europeo di Area Vasta), è uno strumento che permette di rivolgere l’attenzione a un territorio complesso come il nostro, perché sviluppa le politiche europee locali secondo una dimensione nuova. “Con SEAV – ha concluso il Presidente – si intende creare, mettendo a disposizione risorse umane della Provincia e dei Comuni, reti di partenariato a livello locale, regionale, nazionale ed europeo, anche con l’intento di razionalizzare le risorse economiche e gestionali proprie e dei soggetti partner. In un momento di difficoltà per gli enti locali, alle prese con le riforme e il patto di stabilità, creare sinergie che portino a progetti comuni di grande valore è certamente la strada giusta per poter accedere a fondi europei”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136