QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Aprica: il borgo descritto da Giannella e Rutigliano attraverso i dipinti

martedì, 8 marzo 2016

Aprica – Uni dei borghi descritti da Giannella-Rutigliano è sulla località di Aprica. Il libro sui muri parlanti parla di Aprica, uno dei 27 borghi lombardi dipinti e descritti dal fotografo Vittorio Giannella e dalla giornalista Benedetta Rutigliano.

Angolo-di-aprica-ex-albergo-ph-vgiannella

Ecco l’introduzione del libro di Flavio Caroli: “Già dall’’8000 a.C. la comunicazione in Lombardia, resa efficace dalla bellezza della forma, passava attraverso l’arte murale: ne sono prova, ancora evidenti, i graffiti lasciati dai Camuni in Valcamonica, esempio di arte rupestre più importante d’Europa.

Questo primato è in qualche modo onorato da un secondo primato lombardo. Arcumeggia, frazione di Casalzuigno, in provincia di Varese, è infatti il primo paese dipinto d’Italia: è nel 1956 che nasce la prima “Galleria all’aperto dell’affresco”, un vero e proprio museo all’aria aperta dove passeggiare tra le opere di grandi maestri che raccontano ognuno una storia, per lo più legata alle vicende del luogo, dipinta sui muri delle case degli abitanti. Ancora arte come racconto, arte come segno per comunicare in maniera immediata: perché cosa è più efficace dell’immagine? Arte per il popolo, per chi è di passaggio, non solo per gli addetti ai lavori. Arcumeggia è il primo di oltre 200 paesi dipinti in Italia, di cui 27 sono in Lombardia. Così le tesserine raccolte in questo volume sintetizzano la storia regionale per immagini, una storia destinata a tutti”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136