QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Convegno ad Aprica sul Traforo del Mortirolo, Mottinelli: “Ci sono le condizioni per realizzarlo”

domenica, 22 maggio 2016

Aprica – Unire Edolo a Tirano in 14 chilometri, un tunnel intermodale. Il progetto fa passi avanti, almeno nei convegni. Ieri ad Aprica (Sondrio) si è discusso del tunnel tra Valle Camonica e Valtellina.

Un progetto che torna d’attualità quasi ad ogni stagione politica e che stavolta ha trovato tutti d’accordo: “Dobbiamo migliorare i collegamenti tra le valli per favorire le attività produttive e il turismo”.

L’esempio arriva dalla Svizzera, che il 1 giugno inaugurerà la nuova galleria del Gottardo. Il traforo del Mortirolo, il tunnel che collegherebbe Valle Camonica e Valtellina, avrebbe orizzonti più larghi rispetto a Valle Camonica e Valtellina, perché aprirebbe le porte alla Svizzera e all’Europa.

mortitolo aprica 2

Il convegno di Aprica, organizzato da Confartigianato Brescia e Sondrio, con uno slogan “Unire la montagna, unire l’economia, unire l’Europa”, ha colto nel segno.

Tra gli interventi da segnalare quello del sindaco di Aprica, Carla Cioccarelli che ha parlato di “un sogno per chi vive la montagna”, mentre il presidente della Provincia di Brescia, Pierluigi Mottinelli, ha ipotizzato una strada per realizzare il traforo: “Oggi – ha detto Mottinelli – c’è la possibilità di attingere ai fondi dei comuni confinanti e la macroregione alpina offre condizioni da cogliere per creare una ferrovia di vocazione turistica”.

I presidenti di Confartigianato Brescia e Sondrio, in particolare il bresciano Eugenio Massetti, hanno dichiarato che ci sarà una sorveglianza sulle iniziative (e anche i ritardi) per realizzare il traforo del Mortirolo. Nei diversi interventi sono emersi spinti interessanti e al termine il sottosegretario della Regione Lombardia alle politiche della montagna e Macroregione alpina, Ugo Parolo, che ha analizzato innanzitutto lo scenario che si prospetta per le Regioni e gli enti locali che attraverso le riforme costituzionali vedranno depotenziati i poteri. In altre parole il traforo del Mortirolo, fortemente voluto dagli enti locali e dalle associazioni bresciane e valtellinesi passa ancora una volta da Roma.

Traforo Martirolo 2


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136