QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad

Ad

Ad
Ad

Ad
Ad

Ad

Aprica: le novità sulle tappe valtellinesi del Giro d’Italia. L’assessore Rossi: “Salite icone del ciclismo”

lunedì, 13 aprile 2015

Aprica – Presentate oggi in Regione Lombardia le tappe valtellinesi del Giro d’Italia, con arrivo ad Aprica il 26 maggio e la partenza da Tirano il giorno successivo. “Grazie a queste tappe mostreremo al mondo la bellezza delle nostre montagne e avremo una carta in più per portare i 20 milioni di turisti di Expo in Valtellina”. Così l’assessore allo Sport e Politiche per i giovani di Regione Lombardia, Antonio Rossi, alla presentazione delle tappe valtellinesi del 98° Giro d’Italia e della Granfondo Mortirolo, quest’ultima in programma il 17 maggio.

Presenti il sottosegretario di Regione Lombardia ai Rapporti con il Consiglio regionale, Politiche per la Montagna, Macroregione alpina (Eusalp), Quattro motori per l’Europa e Programmazione negoziata Ugo Parolo; i consiglieri regionali Alessandro Sala e Fabio Fanetti; Annamaria Saligari, presidente Comunità montana Alta Valtellina; i sindaci Carla Cioccarelli (Aprica) e Franco Spada (Tirano),  il responsabile Mass Event di Rcs Sport, Andrea  Trabuio e il direttore del Giro, Mario Vegni.

IL MITO PANTANI

“L’organizzazione ha messo a punto due tappe - ha detto l’assessore Rossi – che valorizzano il territorio e, con la Pinzolo-Aprica, ci fanno rivivere anche la nascita del mito di Marco Pantani”.  ”Provo un po’ di invidia per il regime fiscale del Trentino – ha spiegato l’assessore -, ma queste affascinanti salite, che saranno teatro del Giro d’Italia nell’anno dell’Expo, me la fanno passare, perché queste sono ascese che hanno fatto la storia del ciclismo”.

GRANFONDO MORTIROLO

“La Granfondo Mortirolo di domenica 17  maggio – ha affermato l’assessore Rossi – consentirà agli amatori di percorrere lo stesso tracciato della Pinzolo-Aprica e di avere il proprio crono da raffrontare con quello dei professionisti”. “E chissà – ha aggiunto – magari potrei esserci”.

PAROLO: VETRINA INTERNAZIONALE

“Ho collaborato fin da subito - ha detto il sottosegretario Ugo Parolo – per portare in Valtellina, in un anno così importante come quello di Expo, il Giro d’Italia”. “Sarà un’occasione – ha aggiunto – per la Valtellina di mettersi in mostra sotto tutti i punti di vista, a
partire dalle montagne, e per dare soddisfazioni sportive agli amanti del ciclismo”.

Giro Italia 2015 - Aprica

LE TAPPE

Martedì 26 maggio la partenza alle 12 circa per raggiungere la Valtellina, passando per Edolo e affrontando 5 passi, tra cui il Mortirolo, che può vantare pendenze simili allo Zoncolan (media 10.1 e massima 18 per cento per 1289 metri di dislivello). Mercoledì 27 partenza da Tirano alle 14 per sconfinare il territorio elvetico, raggiungendo Lugano.

TERRA DI TURISMO E SPORT

“La Valtellina – ha concluso l’assessore Rossi – ha tanto da offrire, oltre al rinomato aspetto enogastrononomico, sia in termini turistici sia sotto il profilo sportivo, e questo evento, come altri grandi, mostrerà al mondo intero le potenzialità del territorio che, come Regione, siamo impegnati a valorizzare”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136