QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Aprica, cerimonia interprovinciale tra Sondrio e Brescia per il 72esimo anniversario della Liberazione

domenica, 23 aprile 2017

Aprica – Una cerimonia interprovinciale, tra Sondrio e Brescia, è in calendario martedì 25 aprile ad Aprica (Sondrio) per il 72esimo anniversario della Liberazione. La manifestazione vedrà la partecipazione della Provincia di Brescia e dei Comuni e delle associazioni d’arma dell’Alta Valle Camonica. Aprica manifesto 25 aprile

Il Comitato organizzatore (che riunisce Provincia, Comunità Montane, Comuni, Organizzazioni sindacali, ANPI e ISSREC, in coordinamento con la Prefettura) ha deciso di rinunciare per un anno al consueto turno fra le cinque città della provincia per accettare l’invito dei Comuni, dell’ANPI e delle Fiamme Verdi dell’alta Valle Camonica ad incontrarsi all’Aprica, a soli quindici giorni da una manifestazione che ha visto quasi 700 allievi delle secondarie dei due territori incontrarsi allo storico passo per trattare insieme argomenti legati alla Resistenza e alla Memoria. Oltre a ciò, va considerato che il territorio aprichese è parte dell’Ecomuseo della Resistenza in Mortirolo (che figura fra i promotori dell’incontro), istituzione culturale che riunisce comuni valtellinesi e camuni. E senza dimenticare il ruolo che Aprica ebbe nella lunga ospitalità e nel salvataggio con l’espatrio in Svizzera di oltre 200 ebrei perseguitati dalle leggi razziali.

Il Comitato ha reso noto il programma delle cerimonie, che nella mattinata di martedì 25 aprile prevede a Sondrio (ore 8.45) l’omaggio delle Autorità al monumento alla Resistenza di piazza Campello e alla memoria del comandante provinciale dei Carabinieri e delle formazioni partigiane locali, Edoardo Alessi, caduto per la Libertà, presso la caserma dei Carabinieri intitolata al suo nome.

Ad Aprica la cerimonia ufficiale interprovinciale inizierà alle 9.45 con il ritrovo presso il municipio. Alle 10 si formerà un corteo che raggiungerà il monumento ai Caduti dove, dopo l’alzabandiera, ci sarà la deposizione di una corona d’alloro, con gli onori militari resi da una formazione interforze in armi e l’intervento del Corpo Musicale. Seguiranno il saluto del sindaco, i discorsi ufficiali dei presidenti delle due Provincie e dei rappresentanti dell’ANPI e delle Fiamme Verdi.

Dopo la cerimonia al monumento (la conclusione è prevista per le 11), si formerà nuovamente il corteo, che raggiungerà il Santuario di Maria Ausiliatrice per la cerimonia religiosa, officiata da monsignor Tino Clementi, cappellano dell’Associazione Fiamme Verdi di Brescia. La liturgia sarà accompagnata dai canti del Coro Voci della Libertà.

La cerimonia vedrà un numero più che raddoppiato delle rappresentanze comunali (fra i numerosi gonfaloni comunali ci saranno anche quelli di Cevo e di Corteno Golgi, decorati di medaglia di bronzo al valor militare per attività partigiana) e delle associazioni d’arma. In caso di maltempo la cerimonia civile si terrà nella sala del Centro Congressi di Aprica.

Come ogni anno, durante la cerimonia e presso le biblioteche delle città della Provincia, sarà in distribuzione, fino ad esaurimento, un foglio numero unico dedicato alla giornata e già distribuito nelle scuole.

Altro appuntamento a Tirano: martedì 25 aprile alle 20.30, al Cinema Teatro Mignon, la compagnia teatrale Barfì & friends metterà in scena la commedia storico-dialettale in due atti “La scelta”, scritta e diretta da Fulvio Schiano, che porta sul palco le vicende di coloro che hanno vissuto nel ventennio fascista, con le illusioni, le lacerazioni, i drammi di chi ha dovuto scegliere fra fedeltà e libertà, la lotta fra fratelli o fra uomini e donne che hanno scelto la misericordia rischiando la vita per gli altri.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136