QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Aprica capitale del ciclismo Indurain alla “Campionissimo”. Un record sul Gavia: Persegona sale per la 416^ volta. Foto e classifiche

domenica, 28 giugno 2015

Aprica (An. Col.)  - Una grande giornata di sport con “La campionissimo” che ha richiamato nella località delle Orobie Valtellinesi migliaia di appassionati del ciclismo. E’ stato un vero successo la prima edizione de “La Campionissimo”, la rinnovata versione della granfondo di Aprica, che da ben undici anni vede migliaia di ciclisti‬ affrontare il percorso reso mitico da Marco Pantani il 5 giugno 1994 e che da allora lo stesso Giro d’Italia ha affrontato più volte, seppur con variazioni. Un tappone da Giro d’Italia – appunto -‬ con i suoi 175 chilometri e 4500 metri di dislivello spalmati su tre sole salite che, al solo nominarle, nel mondo ciclistico, mettono i brividi: Passo Gavia, Passo Mortirolo e Passo Santa Cristina.

Molto disponibile un Miguel Indurain in splendida forma nonostante i suoi 51 anni, partito in prima fila e salito prima al Gavia, poi al Mortirolo, dove al 8 chilometri ha deposto una corona di fiori al monumento di Pantani. In prima fila anche barbarossa Luca Paolini, fresco vincitore con la Katusha della Gand-Wevelgem. Il sindaco di Aprica, Carla Cioccarelli, e il suo vice (nonché assessore al Turismo) Bruno Corvi hanno onorato il parterre con diverse funzioni, entrambi entusiasti e grati del successo che la manifestazione ha riscontrato. Saluto agli atleti al via anche da parte del nuovo parroco don Claudio Rossatti.

10982360_956023121086638_5286916106794628630_n

Dopo la tappa del Giro d’Italia, ecco La Campionissimo, prima gran Fondo Internazionale organizzata dal Gs Alpi, che ha visto oggi il clou della tre giorni, con al via della gara più importante delle tre su un percorso di 175 chilometri, ci sono stati centinaia di  ciclisti.

Un’occasione unica che ha visto al via anche Persegona (nella foto a destra), l’imprenditore piemontese che ha scalato il Gavia per la 416^ volta.

In Aprica è stata festa grande oggi ma anche ieri sera – una specie di notte rosa – con centinaia di gente per le strade, ma anche nei locali; c’era la  musica alla partenza della gara che oggi – in mattinata – ha visto al via gli atleti.

la campionissimo gav ia“E’ un momento importante per Aprica – dicono al Gs Alpi – abbiamo organizzato questa granfondo che ha un importante fascino con i passi alpini, in particolare i mitici Gavia, Mortirolo e Santa Cristina e la risposta è stata massiccia”. E ancora una volta Aprica è stata la capitale del ciclismo.

Indurain-paolini

 

LE CLASSIFICHE 

175KM MASCHILE‬
1. Roberto Cunico (Team Beraldo Greenpaper Biomin); 05:52:21; 30,14 km/h
2. Enrico Zen (); 05:52:22; 30,14 km/h
3. Gianmario Rovaletti (Equipe Exploit); 05:53:30; 30,04 km/h
-175KM FEMMINILE‬
1. Manuela Sonzogni (Asd Team Isolmant); 06:37:25; 26,72 km/h
2. Lorna Ciacci (Sportler Team); 07:05:18; 24,97 km/h
3. Cristina Lambrugo (Somec – Mg. K Vis – Lgl); 07:11:58; 24,59 km/h
-155KM MASCHILE
1. Domenico Romano (Asd Biemme Sport Team); 05:07:20; 30,26 km/h
2. Graziano Paris (); 05:11:30; 29,86 km/h
3. Federico Brevi (Team Viesse Rotopress Tirano); 05:11:31; 29,85 km/h
-155KM FEMMINILE
1. Stefania Lovati (Gs Sportissimo Top Level); 06:05:50; 25,42 km/h
2. Anita Manzato (A.S.D.Team Fausto Coppi – Fermignano); 06:09:47; 25,15 km/h
3. Carolina Rossi (Asd Team Isolmant); 06:25:15; 24,14 km/h
- 85KM MASCHILE
1. Enzo Gnani (Asd Gnani Bike Team); 02:50:34; 29,9 km/h
2. Simone Zampatti (Team Viesse Rotopress Tirano); 02:50:42; 29,88 km/h
3. Omar Manzoni (Asd Team Isolmant); 02:50:44; 29,87 km/h
- 85KM FEMMINILE
1. Milena Felici (Asd Veloroma); 03:15:50; 26,04 km/h
2. Barbara Marangon (Peperoncinoteam.It); 03:20:49; 25,4 km/h
3. Claudia Bertoncini (Velo Club Maggi 1906 Asd); 03:21:41; 25,29 km/h
I nomi dei “Campionissimi”, ossia del vincitore e della vincitrice del percorso da 175 chilometri, verranno incisi sullo speciale trofeo‬ raffigurante la pietra miliare del Passo Gavia, che resterà esposta nello showroom di Assos a Lugano‬.

 


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136