QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Coppa Camunia: bilancio e risultati della prova di cross memorial Gnaffini

giovedì, 5 dicembre 2013

Angolo Terme – Mattinata di podismo all’interno del parco termale di Angolo in uno scenario naturale che si presta a rendere magica l’atmosfera già di per sé affascinante della corsa. L’Unione Sportiva Oratorio Angolo, già impegnata nell’organizzazione di due gare nel corso dell’anno, da tre stagioni ha aggiunto alle specialità della corsa su strada e in montagna anche il cross.OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La scelta per ospitare il tracciato della campestre è caduta sul parco delle Terme, messo gentilmente a disposizione dalla direzione e dal Catering Zani; in questi tre anni gli animatori del gruppo sportivo hanno lavorato con impegno per limare alcune imperfezioni del tracciato e per ricavare il massimo della distanza all’interno di questo ristretto spazio verde. L’esito di questi sforzi è senz’altro positivo, a detta dei podisti, affascinati da alcuni passaggi molto suggestivi e dalle caratteristiche tecniche del percorso a tratti tortuoso ma nel contempo scorrevole per il fondo molto regolare.

Tanti giudizi positivi che hanno fatto scoccare la scintilla di un possibile progetto per un cross estivo notturno all’interno del parco, se l’idea prende quota sarà sicuramente un appuntamento imperdibile per i podisti camuni. Veniamo alla cronaca della manifestazione, valida come prova della Coppa Camunia di podismo ma aperta anche ad altri atleti, che per un momento si è tuffata nella cronaca ricordando, con un minuto di silenzio, la tragedia della diga del Gleno accaduta il primo dicembre di 90 anni orsono e che ha interessato anche il comune di Angolo con alcune vittime.

Leggermente inferiori alle passate edizioni le iscrizioni alla gara intitolata alla memoria di Paolo Gnaffini a causa essenzialmente di un appuntamento sociale imperdibile per l’Atletica Paratico che fornisce abbondante numero di atleti al circuito podistico; sulla linea della partenza si sono così presentati complessivamente 130 atleti. Quando i raggi del sole hanno iniziato a sciogliere la brina dai prati del parco termale gli atleti della categoria polisportivo si sono preparati per dare avvio alla manifestazione di Angolo.

Una ventina i più piccoli impegnati in seicento metri di percorso pianeggiante; la più rapida in assoluto è stata Alessandra Nolaschi (Podistica Valle Adamè) che si è aggiudicata la prova femminile davanti a Annamaria Pedretti (G.S. Ceto Nadro) e Elena Poiatti (Polisportiva Oratorio Piancamuno). In campo maschile il successo è andato a Mattia Guarinoni (Polisportiva Oratorio Piancamuno), seconda piazza per Matteo Federici (Atletica Eden 77) e terza piazza per l’altro atleta di Piancamuno Matteo Ravelli. Meno folto il gruppo dei partecipanti nella prova della categoria ragazzi dove si sono registrati i successi di Giovanni Spandre (Aido Artogne), seconda posizione di Luca Poiatti (Polisportiva Oratorio Piancamuno) e terzo Fabio Scalvinoni (Polisportiva Ossimo), e dell’atleta dell’U.S. Rogno Nicole Possessi che ha preceduto Anna Tottoli (G.S. Darfo Corna) e Sofia Castelli (Atletica Esine 77). Poco più di tremilaseicento metri il percorso riservato alle categorie femminili e agli allievi per una gara incerta solo nella parte iniziale, poi Stefania Cotti Cottini (Aido Artogne) ha preso il largo staccando tutti. L’atleta di Esine, in un buon momento di forma, si è imposta con una trentina di secondi di vantaggio su Lucia Delvecchio (Polisportiva Edolese) e Simona Pelamatti (C.G. Pisogne) a lungo duellanti per la seconda piazza. Sul podio delle diverse categorie salgono anche Daniela Vassalli (Gavardo), Vera Derrigo (Aido Artogne) e Maria Grazia Boesi (Aido Artogne). Tra gli allievi vittoria del portacolori del Centro Giovanile Pisogne Fabio Pedretti mentre completano il podio Cristian Massoli (Atletica Eden 77) e Nicolas Borghesi (Aido Artogne); nelle allieve il primo posto va a Federica Eterovich (Polisportiva Edolese) che precede Giulia Cesari (Aido Artogne) e Anna Cocchetti (Atletica Eden 77).

Folto il gruppo di partecipanti delle categorie maschili con un gruppetto di cinque atleti a tirare con un ritmo forsennato la prima parte della gara; con il passare dei giri si staccano dagli altri protagonisti del cross delle terme Pierluca Armati (G.S.A. Sovere) e Roberto Cifra (Atletica Eden 77) che chiudono nell’ordine dopo un entusiasmante ed incerto sprint finale. Nell’altro duello per il terzo posto la spunta Claudio Franceschetti (G.S. Ceto Nadro) che precede di un soffio Massimo Bertoni (Atletica Eden 77) primo classificato nella categoria Amatori A. Nelle diverse categorie gli organizzatori premiano anche Claudio Del Moro (Aido Artogne) e Maurizio Beltrami (U.S.O. Angolo), Guido e Valerio Mossini (Podistica Valle Adamè), Giocondo Nezosi (Aido Artogne), Lino Cicci (Podistica Valle Adamè) e Livio Donadoni (U.S.O. Angolo). Insieme agli adulti ha corso anche il piccolo Lorenzo Catotti (nato nel 2004) che abituato alle distanze più lunghe ha rinunciato alla corsa della propria categoria per affrontare i 5.800 metri del tracciato maschile. Per lui, scortato all’arrivo da alcuni degli organizzatori e da altri giovani atleti, gli applausi più calorosi del numeroso pubblico presente alla manifestazione podistica. Le premiazioni, con i ringraziamenti di rito per la famiglia Gnaffini e le Terme di Angolo, hanno concluso la mattinata di sport e dato appuntamento alla prossima prova di Coppa Camunia in programma a Piancamuno domenica 19 gennaio.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136