QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad


Ad
Ad

Ancora caos sulla bonifica dell’area industriale di Berzo Demo, Terzi: “Continueremo a vigilare”

giovedì, 26 febbraio 2015

Berzo Demo – In questi giorni torna alla ribalta la questione sui fondi destinati alla zona industriale di Berzo Demo. “Nel dicembre del 2014, Regione Lombardia ha stanziato 240.000 euro per la messa in sicurezza dell’area industriale di Forno Allione, nel Comune di Berzo Demo in Valle Camonica (Bs), “fondi sufficienti per i lavori“.

Lo ricorda l’assessore all’Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile della Regione Lombardia Claudia Maria Terzi. In questo sito giacciono 23.000 tonnellate di rifiuti tossici provenienti dall’Australia che, secondo gli ultimi rilevamenti fatti da Arpa, starebbero già contaminando la falda acquifera. I noti problemi dell’area industriale di Forno Allione sono al centro del dibattito da diverso periodo.Berzo Demo 1

CURATORE FALLIMENTARE
“La bonifica dell’area – spiega l’assessore Terzi – per legge spetterebbe alla società che ha inquinato, ossia la Selca. In questo caso però, essendo fallita la società, se ne dovrebbe occupare il curatore fallimentare, ma quest’ultimo, invece, ritiene che non sia affar suo e si è appellato davanti al Tar e al Consiglio di Stato, vedendo però respinti entrambi gli appelli. Come Regione continueremo a monitorare attentamente la situazione”.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136