QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

Alta Valle Camonica, niente scontrini e ricevute fiscali: sanzioni per il 90% degli esercizi controllati

giovedì, 7 aprile 2016

Edolo – Ben 22 violazioni su 25 esercizi pubblici controllati: è stato un periodo pasquale di lavoro per la Brigata della Guardia di Finanza di Edolo, e il risultato ha portato a rilevare infrazioni per mancati scontrini o ricevute fiscali.

Nell’ambito delle attività ispettive legate al controllo economico del territorio, la Guardia di Finanza ha effettuato nel periodo delle festività Pasquali, capillari controlli in materia di “scontrini e ricevute fiscali” nei confronti di varie imprese operanti nell’area della Media – Alta Valle Camonica. L’attività ispettiva è stata finalizzata ad accertare sia la tenuta della documentazione amministrativa/contabile da parte degli esercenti, che l’effettivo rilascio da parte degli stessi della documentazione prevista, dalla normativa vigente, a fronte della cessione di beni e servizi effettuati.Finanza Trento

L’attività ispettiva è stata finalizzata ad accertare sia la tenuta della documentazione amministrativa/contabile da parte degli esercenti, che l’effettivo rilascio da parte degli stessi della documentazione prevista, dalla normativa vigente, a fronte della cessione di beni e servizi effettuati.

I Finanzieri, in concomitanza dell’incremento turistico nelle località sciistiche del comprensorio alpino, hanno controllato venticinque attività commerciali. Al termine delle ispezioni, è stato accertato da parte delle Fiamme Gialle edolesi che dei 25 esercenti controllati, quasi il 90% ha omesso di emettere i previsti documenti fiscali; pertanto, sono state contestate ben 22 violazioni, a cui faranno seguito sanzioni pecuniarie pari al versamento del 100% dell’imposta evasa, calcolata sul prezzo dei beni e comunque per un importo non inferiore a 516 euro. Gli effetti distorsivi causati da tali forme di infedeltà fiscale alterano le regole del mercato, creando un illecito vantaggio competitivo per i commercianti non in regola, in danno di quelli onesti.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136