QUESTO SITO WEB UTILIZZA COOKIES. NEL CONTINUARE A NAVIGARE SUL SITO STAI ACCETTANDO L'UTILIZZO DEI COOKIES.
TI INVITIAMO A LEGGERE LA COOKIES POLICY.
X
Ad
Ad
Ad

Ad

All’Istituto Comprensivo di Edolo nasce la via di mezzo tra settimana corta e settimana lunga. Ecco la proposta

mercoledì, 5 aprile 2017

Edolo – Una proposta alternativa, una via di mezzo tra la settimana corta e quella lunga. All’Istituto Comprensivo di Edolo è stato presentato nel pomeriggio allo staff, i referenti degli undici plessi, il piano alternativo per il prossimo anno.

La dirigente scolastica, professoressa Raffaella Zanardini (nella foto), ha illustrano il piano, che sarà poi discusso nei singoli plessi e successivamente al vaglio del Collegio docenti dell’istituto e delle famiglie. “Abbiamo cercato di trovare una soluzione  che venga incontro alle diverse esigenze – spiega la professoressa Zanardini, che nel pomeriggio con la vicaria professoressa Emanuela Moratti ha avanzato la proposta  allo staff - e in questi mesi abbiamo la possibilità di discuterne e avviare il percorso con il nuovo anno scolastico“. La proposta sembra aver raccolti i primi consensi, ma nelle prossime settimane saranno sentite le famiglie, poi il piano organizzativo sarà messo nero su bianco. zanardini-edolo-1

Negli scorsi mesi all’istituto Comprensivo di Edolo c’era stato un referendum sulla settimana corta e lunga: 203 famiglie si erano espresse a favore dell’orario normale dal lunedì al sabato e 188 per la settimana corta. A Sonico invece 42 per la settimana corta e 50 per l’orario normale. Lo scorso autunno un gruppo di genitori di alunni dell’istituto comprensivo di Edolo aveva avanzato la richiesta di un referendum consultivo, sull’ipotesi della settimana corta, quindi dagli attuali 6 giorni di scuola a 5.

La proposta per i 220 bambini della Primaria e 110 ragazzi delle Medie era passare dall’attuale orario (dalle 8 alle 13 dal lunedì al sabato), a cinque giorni, dal lunedì al sabato dalle 8 alle 13, con due rientri pomeridiani. Su questa proposta il consiglio d’Istituto ha indetto il referendum tra i genitori, che hanno avuto la possibilità di esprimere il loro gradimento per l’uno o l’altra ipotesi. Ora arriva la proposta innovativa per il nuovo anno scolastico.


© Gazzetta delle Valli - Testata registrata in tribunale, direttore responsabile Alberto Panzeri - P. IVA 03457250136